Calendario
Il carrello è vuoto
Riepilogo ordine
Totale
0,00 
Spedizione
Procedi con l'ordine
Totale
0,00 
Vai allo shop
Accedi

Valerio Borgioni

Biografia

Tenore

È nato a Roma nel 1997.
Ha studiato canto presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma, sotto la guida di Claudio Di Segni.
Nell’aprile del 2016 ha vinto il concorso per giovani voci liriche indetto dal Ministero dei Beni Culturali italiano.
Nel 2018 ha frequentato l’Accademia di perfezionamento per cantanti lirici del Teatro Comunale di Bologna. Nel marzo del 2018 ha debuttato nel ruolo di Alfredo ne La traviata a Civitanova Marche. Ad aprile 2018 ha vinto la VIII edizione del concorso lirico internazionale "Anita Cerquetti".
Nel maggio 2019 ha interpretato il personaggio di Rodolfo nella Bohème a Civitanova Marche.  Nello stesso anno ha debuttato nell’Elisir d’amore con la Fondazione Opera Domani, esibendosi in molte città italiane per 10 recite complessive. Nel 2020 ha vinto il concorso As.Li.Co. e nell’ottobre dello stesso anno ha cantato in Werther, nel ruolo del titolo, presso il Teatro di Como.
Nel marzo 2021 ha debuttato ne L’amico Fritz di Mascagni nel ruolo principale e in luglio ha cantato il ruolo di Rodrigo ne La donna del lago di Rossini presso il Teatro d’Opera di Sofia. Nel novembre dello stesso anno ha interpretato Rodolfo al Teatro di Como e Tonio ne La fille du régiment  al Teatro Lirico di Cagliari.
A marzo 2022 ha debuttato nel ruolo di Leicester in Maria Stuarda presso la Sydney Opera House; in aprile a Bari è stato protagonista di Werther.
Recenti impegni sono stati a Catania, Sofia, Fano, Fermo e Ascoli Piceno; il più recente è stato Roberto Devereux in concerto presso la Sydney Opera House.

Biografia

Soprano

Studia danza classica, si diploma in canto lirico con il massimo dei voti al Conservatorio “V. Bellini” di Palermo e si perfeziona in tecnica vocale e interpretazione con il soprano Luciana Serra. Vincitrice di numerosi Concorsi Lirici Internazionali. Nel 2023 è soprano solista al Concerto per i cento anni dalla nascita di Franco Zeffirelli a Firenze presso la Fondazione Zeffirelli e ai concerti di Capodanno al Teatro Marruccino di Chieti e dell'Aquila con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese. Nel 2022 è Violetta in La traviata al Luglio Musicale Trapanese, ruolo già cantato al Teatro Massimo di Palermo, al Teatro Antico di Taormina, all’Opera Națională di Bucarest e all'Opera Română Craiova (Romania), all’Opera di Astrakhan; è stata Violetta anche in Teresa Valèry rivisitazione della Traviata a cura di Teresa Mannino al Teatro Massimo di Palermo, al Teatro di Verdura e al Teatro Antico di Taormina. Nel 2022 è Soprano nei Carmina Burana di Orff al Teatro Massimo di Palermo, solista al Concerto per lo “Spring of Culture Festival Manama”, Bahrain, Hall of Culture, organizzato dal Teatro Massimo in collaborazione con l’Ambasciata d'Italia in Bahrain e la Bahrain Authority for Culture and Antiquities. Nel 2021 è Lucia in Lucia di Lammermoor come copertura al Teatro Massimo di Palermo, ruolo cantato anche in Giappone in tournée con il Teatro Verdi di Trieste, al Teatro Marruccino a Chieti e al Duluth Summer Art Festival negli USA. È stata anche Norina in Don Pasquale all'Opera Română Craiova (Romania), Elvira in L’Italiana in Algeri al Teatro Massimo di Palermo, Gilda in Rigoletto al Politeama Greco di Lecce, Musetta in La bohème al Politeama di Lecce e a Trapani per il Luglio Musicale Trapanese, Rosina ne Il barbiere di Siviglia al Festival dell’Egeo (Grecia), ruolo interpretato in Italia e all'estero al Teatro Opera Română Craiova, al Teatro Filarmonia Podkarpacka di Rezsow (Polonia) e in tournée; è stata Rosina anche in Figaro!, produzione dell’Opera di Roma in coproduzione con il Teatro Massimo di Palermo. Esegue recital a Parigi, Oper im Berg Festival a Salisburgo (Austria), al Teatro Olimpico di Vicenza, al Teatro dell’Opera di Astrakhan. Canta in produzioni sacre come lo Stabat Mater di Rossini nella Basilica di Sant’Apollinare a Ravenna, il Gloria di Vivaldi e la Messa dell’Incoronazione di Mozart alla Carnegie Hall di New York.

Biografia

Viola

Dapprima membro fondatore del Jerusalem Quartet, poi prima viola dei Berliner Philharmoniker (ruolo che riveste tuttora) e apprezzato solista.
Dopo lo studio del violino, a 11 anni è passato alla viola. Ha studiato con David Chen a Gerusalemme, con Tabea Zimmermann a Francoforte e a Tel Aviv con Haim Taub. Già giovanissimo ha ottenuto borse di studio e premi ed è stato membro del Gruppo di Giovani Musicisti del Jerusalem Music Center.
Come solista ha collaborato con direttori di fama quali Zubin Mehta, Tugan Sokhiev, Klaus Mäkelä, Ariel Zukermann, Daniel Barenboim, Sir Simon Rattle, Alexander Vedernikov e Lionel Bringuier. Si è esibito accompagnato da orchestre quali quella della Radio Finlandese, la Filarmonica di Varsavia, Nazionale Danese, della Radio Svedese e l’Orchestra da Camera di Zurigo. Nel campo della musica da camera collabora con artisti quali Yefim Bronfman, Mitsuko Uchida, Daniel Hope, Eric Le Sage, Janine Jansen, Julian Steckel, Daishin Kashimoto e David Geringas.
Gli impegni principali della stagione 2022/23 sono i concerti con la Liszt Chamber Orchestra, con la Filarmonica de Gran Canaria e Beatriz Fernandez e con la Musikalische Akademie di Mannheim e Ingo Metzmacher, tra gli altri. Nell’inverno 2023 farà un lungo tour in Giappone, con concerti con la NHK Symphony Orchestra e Tugan Sokhiev, da primo violino con la Aichi Chamber Orchestra e da solista. Eseguirà il Concerto per viola di Martinu con la direzione di Sir Simon Rattle e i Berliner Philharmoniker. Nell’estate 2023 eseguirà al Festival du Verbier la Sinfonia Concertante con Janine Jansen. Nell’ambito di un progetto di musica da camera tornerà ad esibirsi alla Elbphilharmonie di Amburgo, alla Tonhalle di Zurigo, alla Kammermusiksaal della Filarmonica di Berlino e al Concertgebouw di Amsterdam. Sono inoltre previste collaborazioni e tournée con Emmanuel Pahud, Anneleen Lenaerts, il Modigliani Quartett, Nathalia Milstein e Made in Berlin.
Nella stagione 2021/22 è stato nominato direttore artistico del Festival internazionale di musica da camera di Utrecht.
Suona una viola di Gasparo da Salò del 1570, concessagli a vita da una collezione privata.

Biografia

Contralto

Contralto tedesco, ha studiato canto presso la Hochschule für Musik und Theater di Amburgo.
Ha fatto parte dell’ensemble dell’Opera di Zurigo.
Il suo repertorio wagneriano comprende ruoli quali: Erda (Tokyo Spring Festival, Royal Opera House Covent Garden); Magdalene in Die Meistersinger von Nürnberg (Opéra de Paris, Festival di Bayreuth); Flosshilde, Grimgerde e Prima Norna (Der Ring des Nibelungen) e Voce dall’alto (Parsifal) per il Festival di Bayreuth. Ha inoltre interpretato la Terza Dama nel Flauto Magico di Mozart al Festival di Salisburgo sotto la direzione di Nikolaus Harnoncourt e Storgè (Jephtha di Händel) all’Opera Nazionale Olandese diretta da Ivor Bolton.
Come concertista si esibisce con orchestre tra cui: Berliner Philharmoniker, Orchestra del Gewandhaus di Lipsia, Zurich Tonhalle Orchestra e la Bamberger Symphoniker, in sedi importanti come la Elbphilharmonie di Amburgo o la Musikverein di Vienna e nei principali festival europei, tra i quali Lucerna, Salisburgo e Schleswig-Holstein.
Ha lavorato con direttori d’orchestra come: Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Daniel Harding, Philippe Jordan, Marc Minkowski e Kent Nagano.
Il suo repertorio concertistico comprende la Passione secondo Matteo e l’Oratorio di Natale di J. S. Bach, il Requiem di Mozart, le Sinfonie n. 2 e n. 3, Das Lied von der Erde e i Kindertotenlieder di Mahler, oltre ai GurreLieder di Schönberg.

Biografia

Direttore d'orchestra

È considerato uno dei direttori più interessanti della sua generazione.
È invitato da tutte le orchestre del mondo, soprattutto per il repertorio romantico austro-tedesco, da Richard Wagner e Richard Strauss a Alexander von Zemlinsky, Franz Schrecker ed Erich Wolfgang Korngold, ma si dedica con uguale passione a tutto il repertorio, da Mozart ai contemporanei.
Noto e molto apprezzato per l’approccio cameristico alle opere che dirige, ama e sa bene come usare le infinite possibilità sonore di una grande orchestra sinfonica, conservando sempre il suono intimo delle formazioni da camera.
Il suo lavoro è stato riconosciuto e premiato numerose volte: con OPUS KLASSIK come “Direttore dell’anno” per la Sirenetta di Zemlinsky con l’Orchestra Filarmonica Neerlandese (Pentatone) e nella categoria “Best Opera Recording of the 20th/21st century” per Das Wunder der Heliane di Korngold alla Deutsche Oper di Berlino (Naxos). È cavaliere dell’Ordine del Leone dei Paesi bassi e ha ricevuto il “Prix d’Amis” dell’Opera Nazionale Olandese. È stato nominato al Grammy Awards nella categoria “migliore incisione operistica” per Wozzeck di Berg; durante la sua direzione musicale l’Opera Nazionale Olandese è stata nominata “Teatro d’Opera dell’anno”-
Nella stagione 2022/23 sarà ospite dei teatri di Berlino, Amsterdam e Zurigo, dirigerà, fra le altre, l’Orchestra Giovanile Tedesca, la Filarmonica di Seoul, l’Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino, la Konzerthausorchester di Berlino.

Biografia

Direttore orchestra formazioni giovanili

Consegue il diploma di Trombone con il massimo dei voti presso il Conservatorio di Musica "A. Corelli" di Messina e il diploma superiore di musica presso la "Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo", dove oltre ai corsi ordinari di trombone, frequenta il "Corso di formazione per Direttori d'orchestra" tenuto dai Maestri V. Garbarino e A. Ceccato, partecipando alla Master finale tenuta dal Maestro C. M. Giulini.

Contemporaneamente prosegue gli studi di direzione d'orchestra con J. Mezsaros e G. A. Gavazzeni. Studia presso la "Scuola di Paleografia e Filologia Musicale" di Cremona e si specializza in musica antica sotto la guida del trombettista americano E. H. Tarr.

Vincitore di audizione, ha collaborato regolarmente per nove anni come Primo Trombone con "l'Orchestra dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia". È stato invitato ad esibirsi come solista da importanti Orchestre tra le quali: l'Orchestra Nazionale di Cracovia, la London Sinfonietta, l'Orchestra Nazionale dell'Accademia di Santa Cecilia. Cinque le produzioni discografiche come solista. Ha collaborato per anni alla registrazione di colonne sonore per il cinema e ha registrato come solista, accompagnato dall'Orchestra Nazionale dell'Accademia di Santa Cecilia, la raccolta discografica: Io, Ennio Morricone. Dal 1993 occupa il ruolo di Primo Trombone presso l'Orchestra della Fondazione Teatro Massimo di Palermo e dal 1996 è Direttore dell'Ensemble Ottoni e Percussioni del Teatro Massimo di Palermo.

È Direttore artistico del Teatro Comunale "Giuseppe Lena" di Cammarata.

Biografia

Direttore d'orchestra

Direttore d’orchestra e di coro, stimato ricercatore a cui si devono riscoperte importanti nel campo della musica vocale del Settecento italiano, divulgatore instancabile, direttore e fondatore di Coro e Orchestra Ghislieri, dirige nei maggiori festival e sale da concerto d’Europa: Philharmonie di Berlino, Concertgebouw, Teatro alla Scala, Bozar, Festival d’Ambronay, Vézelay e Bésançon, Festival Enescu Bucarest, Società del Quartetto di Milano, Stresa Festival e molti altri. È regolarmente invitato come direttore per opere e concerti da istituzioni quali Fondazione Arena di Verona, Teatro Carlo Felice di Genova, Toscanini di Parma, Cameristi della Scala, Opéra d’Avignon e di Saint-Étienne. Si diploma in Direzione d’orchestra sotto la guida di D. Renzetti; ha studiato Composizione con B. Zanolini e Musica corale con D. Zingaro al Conservatorio di Milano. È inoltre diplomato in Canto e laureato in Matematica. Animato dalla passione per il repertorio italiano ed europeo del XVIII secolo, fonda nel 2003 Coro e Orchestra Ghislieri, che dirige regolarmente sulla scena musicale internazionale. È direttore artistico del Centro di Musica Antica Ghislieri di Pavia, insignito del Premio Abbiati 2019 quale “miglior iniziativa musicale”. I suoi dischi per Arcana-Outhere Music, dedicati a progetti di ricerca su Pergolesi, Jommelli, Rossini, Mozart, sono stati insigniti di numerosi riconoscimenti internazionali, quali Diapason d’or e International Classical Music Awards. Ha inoltre pubblicato per Sony-Deutsche Harmonia Mundi e per la rivista Amadeus, che nel 2017 gli dedica la copertina del numero celebrativo del XXV anniversario. Tra gli impegni del 2022 e 2023 si ricordano l’Orlando furioso di Vivaldi al Teatro Filarmonico di Verona, una nuova produzione de Les Incas du Pérou di Rameau per la Sagra Malatestiana al Galli di Rimini con la Filarmonica Toscanini e la regia di Anagoor, un gala di belcanto all’Opéra d’Avignon e una nuova produzione di Andromaque di Grétry all’Opéra de Saint-Etienne. Tra i prossimi impegni si segnalano una nuova produzione di Apollo et Hyacinthus di Mozart con la regia di Fabio Ceresa e la creazione della nuova opera di Nicola Campogrande, De bello gallico. A maggio 2023 debutta al Teatro alla Scala di Milano alla guida dei Cameristi della Scala, in un programma su Pergolesi, Durante e Vinci con la partecipazione del Coro Ghislieri.

Biografia

Mandolino

 

Biografia

Acclamata dal New York Times per “il suono scintillante, gli acuti liberi e facili, le agili colorature e la grazia lirica”, Jessica Pratt è considerata una delle principali interpreti odierne del repertorio più impegnativo del Belcanto.
Dal suo debutto europeo nel 2007 come Lucia di Lammermoor, si è esibita in teatri d’opera e festival in tutto il mondo: Accademia Nazionale di Santa Cecilia, Arena di Verona, Gran Teatre del Liceu, Fi- larmonica di Los Angeles, Opera Australia, Royal Opera House Covent Garden, Staatsoper Hamburg, Teatro Real di Madrid, Teatro alla Scala, Teatro di San Carlo, Metropolitan Opera e Théâtre des Champs- Elysées; e ha collaborato con direttori come Daniel Oren, Daniele Gatti, Francesco Ivan Ciampa, Gia- nandrea Noseda, Gustavo Dudamel, Ivor Bolton, Kent Nagano, Marc Minkowski, Nello Santi, Riccardo Frizza, Sir Colin Davis e Zubin Mehta.
Tra gli impegni più recenti e futuri, Lucia di Lammermoor a Las Palmas, un recital all’Opera di Francofor- te accompagnata da Vincenzo Scalera, e Olympia, Antonia, Giulietta e Stella in Les contes d’Hoffmann di Offenbach e un concerto Madscenes per Opera Australia a Sydney in occasione delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della fondazione di Opera Australia, un concerto per Victorian Opera a Melbourne e il debutto nel ruolo del titolo in Beatrice di Tenda al Teatro San Carlo di Napoli. Nell’ulti- mo anno ha interpretato Donna Anna in Don Giovanni con la direzione di Zubin Mehta per l’85° Festival del Maggio Musicale Fiorentino, Elvira ne I puritani per il Théâtre des Champs-Elysées di Parigi, la parte del soprano in “Jauchzet Gott in allen Landen” BWV 51 di Johann Sebastian Bach diretta da Daniele Gatti a Firenze, ha debuttato nel ruolo della protagonista in Francesca da Rimini di Mercadante per l’Opera di Francoforte, La sonnambula per l’Opéra Royal de Wallonie di Liegi e il Teatro Real di Madrid.
È una delle cantanti più attive nel suo campo, con 137 produzioni nel corso degli ultimi 16 anni in 80 città di 13 paesi. Ha interpretato 46 ruoli diversi, tra i quali il più popolare è quello di Lucia di Lammermoor, affrontato in 111 recite di 37 produzioni, a seguire Amina ne La sonnambula e Elvira ne I puritani di Bellini.
La sua discografia comprende i CD di Otello di Rossini e La sposa di Messina di Vaccai e i DVD di Giovanna d’Arco al Festival della Valle d’Itria, Adelaide di Borgogna, Ciro in Babilonia e Aureliano in Palmira al Rossini Opera Festival, il Concerto di Capodanno 2012 e La sonnambula dalla Fenice di Venezia, Rosmonda d’Inghilterra e Il castello di Kenilworth di Donizetti dal Festival Donizetti di Ber- gamo e Le convenienze e inconvenienze teatrali dal Teatro alla Scala. Nel 2016 il suo primo album Serenade è stato pubblicato da Opus Arte. Tra le altre incisioni recenti Ariadne auf Naxos con la di- rezione di Daniele Gatti e Linda di Chamounix al Maggio Musicale Fiorentino e il suo secondo album Delirio, a breve in uscita.
Tra i numerosi concorsi internazionali vinti, ricordiamo “Australian Singing Competition” e il premio della Staatsoper di Vienna. Nel 2013 ha ricevuto il premio internazionale per soprani di coloratura “La Siola d’oro – Lina Pagliughi” e nel 2016 l’Oscar della Lirica come miglior soprano dell’anno.