Chiara Sgnaolin

Chiara Sgnaolin

Nata a Roma, inizia gli studi giovanissima presso la Scuola di danza del “Balletto di Roma” e successivamente nella “Scuola di danza del Teatro dell’Opera”.
Prosegue gli studi presso l'Accademia Nazionale di danza di Roma, conseguendo la laurea in “Discipline Coreutiche ad indirizzo classico” con votazione 110 e lode con tesi sperimentale “Uno studio sulle tecniche attoriali applicate al personaggio di Giulietta per il danzatore”.
Nel 2015 è scritturata al Teatro alla Scala di Milano per la produzione del balletto “Excelsior” di Ugo dell’Ara. Nel 2016 e nel 2018 si distingue a livello nazionale, vincendo il Premio Nazionale delle Arti, nella sezione danza classica. Per molti anni, prende parte alle stagioni estive dell’opera festival della Fondazione Arena di Verona danzando nelle opere Aida, Turandot, Carmen, Il barbierie di Siviglia, Traviata, Il Trovatore e nelle serate-evento. Ha ricoperto ruoli da prima ballerina in molti balletti quali “Sogno di una Notte di Mezza Estate” di A. Delle Monache e “Capriccio Italiano” di M. Piazza al Teatro Argentina di Roma, danzando inoltre in diverse produzioni del repertorio neoclassico e moderno dei seguenti coreografi: M. Bigonzetti, M. Moricone, V. Derevianko, M. Volpini. Nell’autunno del 2019 collabora con lo “State Opera Stara Zagora” in Bulgaria prendendo parte come solista ai balletti Don Chisciotte, Lo schiaccianoci e Il lago dei Cigni. Nello stesso anno viene scelta da Luciano Cannito per il ruolo solista della sorellastra nel balletto Cenerentola accanto a Virna Toppi e Nicola del Freo. Dal 2016 è parte del Corpo di ballo del Teatro Massimo, interpretando anche ruoli solistici in diversi balletti, quali ad esempio: Giselle di R. Nuñez accanto a Svetlana Zacharova (ruolo Villi e Amiche), La Bella Addormentata di M. Levaggi (ruolo Fata Florina), Lo schiaccianoci di Petipa con coreografie di L. Chang (ruolo primo fiocco di neve e mirlitoni).