Teatro Massimo and Sustainable Mobility

Teatro Massimo and Sustainable Mobility

24 Jun 2021

Teatro Massimo e mobilità sostenibile. Siglato un accordo tra la Fondazione e il Gruppo Riolo per la concessione di un’auto elettrica a zero emissioni. 

La Fondazione Teatro Massimo e le società del Gruppo Riolo, concessionarie ufficiali Audi, Volvo, Ducati, Toyota, Opel, Mercedes e Smart a Palermo, hanno siglato un accordo di sponsorizzazione per la stagione 2021/2022, per la concessione di un’auto elettrica a zero emissioni che sarà utilizzata come auto di servizio della Fondazione.  Al posto della precedente auto a benzina, è in uso da oggi una AUDI E-tron, alimentata con energia elettrica che riduce le emissioni inquinanti.

È il primo passo di una svolta green che la Fondazione Teatro Massimo ha intrapreso con una attenzione crescente ai temi della sostenibilità e del rispetto dell’ambiente, che prevede a breve anche altre iniziative. “Ringraziamo il Gruppo Riolo per questa opportunità - dichiara Francesco Giambrone, sovrintendente della Fondazione Teatro Massimo – con il loro aiuto sostituiamo la nostra auto di servizio con un mezzo che riduce le emissioni inquinanti, più rispettoso dell’ambiente, della città e della salute di tutti. Non è più possibile trascurare questi temi e ogni contributo è importante per cambiare prospettiva e far crescere una maggiore sensibilità nei confronti della tutela ambientale”.

“Auspichiamo - aggiunge Iolanda Riolo, titolare del Gruppo Riolo - che la mobilità elettrica con le sue infrastrutture si diffonda sempre più - come sta già accadendo in molte città d’Italia che hanno accolto le generose e virtuose offerte di Enel per la dotazione gratuita di colonnine per la ricarica - in modo da incentivare questa evoluzione culturale sempre più necessaria”.

E in quest’ottica green, la Fondazione Teatro Massimo sta mettendo a punto in questi giorni alcune convenzioni con AMAT Palermo SpA, per car e bike sharing, e con le società di gestione dei monopattini elettrici, che consentiranno a dipendenti, collaboratori e artisti della Fondazione, ma anche al pubblico che vorrà usufruirne, di utilizzare a speciali condizioni, tutti gli strumenti di mobilità leggera per raggiungere sia il Teatro di Piazza Verdi che il Teatro di Verdura.

“Vogliamo condividere con il pubblico queste buone pratiche e una visione sostenibile di mobilità – continua Giambrone – per sottolineare l’importanza del contributo che ognuno di noi può dare per la salvaguardia dell’ambiente”.

Comunicato stampa al link

Fotografie al link

Ufficio Stampa
Fondazione Teatro Massimo
Giovannella Brancato