Feuersnot dal 18 al 26 gennaio

Calendario
sabato 18 gennaio 2014, Turno Prime - ore 20:30
martedì 21 gennaio 2014, Turno S1 - ore 18:30
mercoledì 22 gennaio 2014, Turno B - ore 18:30
venerdì 24 gennaio 2014, Turno C - ore 18:30
sabato 25 gennaio 2014, Turno F - ore 20:30
domenica 26 gennaio 2014, Turno D - ore 17:30



Poema cantato in un atto

Musica di Richard Strauss
Libretto di Ernst von Wolzogen


Nuovo allestimento del Teatro Massimo

Direttore Gabriele Ferro
Regia Emma Dante
Scene Carmine Maringola
Costumi Vanessa Sannino
Luci Cristian Zucaro
Movimenti Sandro Maria Campagna
Assistente alla direzione musicale Fabio Maestri
Assistente alla regia Giuseppe Cutino
Assistente alle scene e costumi Mara Ratti
Assistente ai movimenti Elena Borgogni



Cast
Schweiker von Gundelfingen Alex Wawiloff
Ortolf Sentlinger Rubén Amoretti
Diemut Nicola Beller Carbone (18, 22, 24, 26)
Brigitte Wohlfarth (21, 25)
Elsbeth Christine Knorren
Wigelis Chiara Fracasso
Margret Anna Maria Sarra
Kunrad Dietrich Henschel (18, 22, 24, 26)
Thomas Hall (21, 25)
Jörg Pöschel Michail Ryssov
Hämmerlein Nicolò Ceriani
Kofel Paolo Battaglia
Kunz Gilgenstock Paolo Orecchia
Ortlieb Tulbeck Cristiano Olivieri
Ursula Irina Pererva
Ruger Asbeck Francesco Parrino
Walpurg Valentina Vitti
Ein grosses Mädchen Francesca Martorana (18, 22, 24)
Mariella Maisano (21, 25, 26)
Attori
Federica Aloisio, Stefano Vona Bianchini, Remi Boissy, Chiara Breci, Mirko Bruno, Viola Carinci, Lorenzo Covello, Federica Cuccia, Gabriella D’Anci, Dimitri D’Urbano, Clara De Rose, Roberto Galbo, Giulia Sarah A. Gibbon, Silvia Giuffrè, Danilo Giuva, Francesca Laviosa, Federica Marullo, Emilio Marchese, Elisa Parrinello, Mauro Pasqualini, Vittoria Pirrone, Giuseppe Sangiorgi, Daniele Savarino, Giuliano Scarpinato, Valerio Tambone, Giovanni Tuzza, Emilia Verginelli, Alexandre Vella, Giuseppina Vicari, Paola Santa Virgilio

Orchestra, Coro e Coro di voci bianche del Teatro Massimo
Maestro del coro Piero Monti
Maestro del coro di voci bianche Salvatore Punturo
Foto dello spettacolo



Video dello spettacolo




Durata
100 minuti (atto unico)



Verdi come noi

Sinossi
Scarica in PDF

Il solstizio d’estate è arrivato e tutti i bambini della città passano di casa in casa per chiedere la legna da usare per i fuochi durante la notte di San Giovanni. La folla è per strada, animosa e animata: alcuni camminano lungo le vie, altri restano fermi dinanzi alle abitazioni, altri ancora preferiscono guardare fuori dalle finestre; la giovane Diemut, insieme alle amiche, offre dolci amarene e leccornie ai bambini. «San Vito, un bel ceppo è gradito, che sia grande, sant’Alvaro, san Sisto non fare l’avaro»: così, cantando, i bambini continuano a cercare la legna e passano anche dalla casa di Kunrad; il giovane li accontenta e finge di avere poteri magici. La gente parla e sparla: sarà un matto? un balordo oppure un giovanotto robusto? Una cosa è certa: Kunrad è innamorato della bella Diemut e la guarda con occhi di passione; due passi in avanti e può stringerla forte, poi la bacia sulla bocca con sentimento e ardore. Tutti assistono al gesto con stupore e agitazione: c’è chi strilla, chi ride e chi è sgomento. Diemut, imbarazzata, stordita e furiosa, fugge via: decide così di far pentire Kunrad per l'impertinenza ricevuta, rifiutandosi di partecipare alla festa. Intanto le luci della città aumentano e l'allegro baccano si ode in lontananza in questa notte di mezzestate. Diemut, sola nella sua stanza, invoca le stelle testimoni delle sue lacrime; sotto al balcone c'è un sognante Kunrad che la desidera e le chiede quanto ancora dovrà penare. Diemut finge di assecondare il desiderio di Kunrad: le loro voci si fondono e cantano «notte d’estate! Insonne affanno! Mi appartieni? Ti appartengo?». Diemut cala quindi un cesto affinché l'amante la possa raggiungere, ma in realtà fa scattare la sua ripicca per quel bacio rubato dinanzi agli occhi di tutti e Kunrad rimane penzolante, oggetto dello scherno dei passanti. Il giovane, irato d’amore e sofferente, maledice l’aridità dei sentimenti dei concittadini e con un sol gesto compie un sortilegio: la città satura di colori e di allegria in un colpo si spegne. Il panico rapisce le menti dei popolani, i bambini piangono e tutti si chiedono: sarà il demonio? Kunrad, gonfio di emozione, canta illuminato dalla luna e racconta che solo l’amore corrisposto potrà far riaccendere i fuochi spenti. Diemut, pentita del suo gesto e ormai sicura del suo amore, lo aiuta in silenzio a raggiungere il balcone. Kunrad e Diemut si amano; le luci si riaccendono e i cuori si rasserenano. Mentre tutti tornano a ballare, i due cantano il loro amore: «Notte d’estate! Insonne affanno! Che eterno sia, vogliamo. Diemut, / Maestro, io ti amo!».



Anteprima Under30
La prova antegenerale di Feuersnot del 16 gennaio sarà aperta al pubblico under30 grazie alle attività degli Ambasciatori del Teatro Massimo che svolgono in teatro il loro tirocinio universitario e in collaborazione con l'Associazione Giovani per il Teatro Massimo (biglietto euro 10; info e prenotazioni ambasciatori@teatromassimo.it).
I biglietti (10€) si potranno prenotare dal 7 gennaio. Dal 12 al 16 sarà possibile acquistare i biglietti ancora disponibili, dalle 10 alle 16:30 (escluso lunedì 13), nella sala antistante la Biglietteria del Teatro, rivolgendosi direttamente agli Ambasciatori ed ai Giovani per il Teatro Massimo.
La prova è riservata agli under 30. Per l'acquisto del biglietto è necessario presentare il documento d'identità.


Presentazione al pubblico dello spettacolo - 12 gennaio
Domenica 12 gennaio alle ore 12 in Sala ONU, il Teatro Massimo ha organizzata una presentazione al pubblico dello spettacolo con la partecipazione di Gabriele Ferro, Emma Dante, del team creativo e degli interpreti vocali.
Luglio
L M M G V S D
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10

Scrivi una recensione su Teatro Massimo


Presentato da TripAdvisor

Visita il nostro canale su Youtube

Iscriviti alla newsletter del Teatro

Visita il nostro canale su Youtube


©2014 Fondazione Teatro Massimo piazza Verdi 90138 Palermo | p.iva 00262030828         Il Teatro Massimo è su            


Credits
| Contatti | English Version |