LA BOHÈME
Scene liriche in quattro quadri

Musica di Giacomo Puccini
Libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

Dal romanzo Scènes de la vie de Bohème di Henri Murger.
Prima rappresentazione: Torino, Teatro Regio, 1 febbraio 1896.
Durata Foto
Prima parte 45 minuti
Intervallo 20 minuti
Seconda parte 50 minuti

Tutte le foto dello spettacolo
Guarda le foto degli altri spettacoli
Video

Guarda gli altri video del Teatro

Guarda gli altri video del Teatro
Cast creativo
Direttore Daniele Callegari
Regia Lorenzo Mariani
Assistente alla regia Elisabetta Marini
Scene e costumi William Orlandi
Luci Christian Pinaud

Allestimento del Teatro Comunale di Bologna

Orchestra, Coro e Coro di voci bianche del Teatro Massimo
Maestro del coro Andrea Faidutti
Maestro del coro di voci bianche Salvatore Punturo
Personaggi Interpreti
Mimì Alexia Voulgaridou [24, 26, 28 , 3 e 5]
Rachele Stanisci [25, 2 e 6]
Rossana Potenza [27 e 4]
Musetta Irina Dubrovskaya [24, 26, 28 , 3 e 5]
Annamaria Dell'Oste [25, 2 e 6]
Eleonora Cilli [27 e 4]
Rodolfo Marcello Giordani [24, 26, 28 , 3 e 5]
Gianluca Terranova [25, 2 e 6]
Myung Hoon Ji [27 e 4]
Marcello Vincenzo Taormina [24, 26, 28 , 3 e 5]
Simone Piazzola [25, 2 e 6]
Giovanni Guagliardo [27 e 4]
Schaunard Fabio Previati [24, 26, 28 , 3 e 5]
Roberto Accurso [25, 2 e 6]
Marco Camastra [27 e 4]
Colline In-sung Sim [24, 26, 28 , 3 e 5]
Pietro  Toscano [25, 2 e 6]
Ernesto Morillo Hoyt [27 e 4]
Benoît Alberto Profeta
Parpignol Vincenzo Leone [24, 26, 28 , 3 e 5]
Domenico Ghegghi [27 e 4]
Alcindoro / Benoît Orazio Mori
Sergente Antonio Barbagallo [24, 26, 28 , 3 e 5] Gianfranco Giordano [25, 27, 2, 4 e 6]
Un doganiere Vincenzo Raso [24, 26, 28 , 3 e 5]
Giovanni Lo Re [25, 27, 2, 4 e 6]
Calendario

Mercoledì 24 febbraio, ore 20.30 - Turno Prime
Giovedì 25 febbraio, ore 18.30 - Turno S1
Venerdì 26 febbraio, ore 18.30 - Turno B
Sabato 27 febbraio, ore 20.30 - Fuori abbonamento

Domenica 28 febbraio, ore 17.30 - Turno D

Martedì 2 marzo, ore 18.30 - Turno s2

Mercoledì 3 marzo, ore 18.30 - Turno C
Giovedì 4 marzo, ore 18.30 - Fuori abbonamento
Venerdì 5 marzo, ore 18.30 - Fuori abbonamento

Sabato 6 marzo, ore 20.30 - Turno F

Durata
Prima parte 55 minuti
Intervallo 20 minuti
Seconda parte 50 minuti
Argomento
Quadro primo
In una misera soffitta
Quattro giovani amici – il poeta Rodolfo, il pittore Marcello, il musicista Schaunard ed il filosofo Colline – conducono una gaia vita di bohème. I soldi mancano quasi sempre, spesso si digiuna, ma la gioventù e la spen- sieratezza aiutano a superare molti ostacoli. La vigilia di Natale vede Ro- dolfo e Marcello che, infreddoliti ed impossibilitati a lavorare per il gelo che ha invaso la soffitta, sono costretti a bruciare nel caminetto il grosso manoscritto di un dramma di Rodolfo. Rientra Colline, desolato perché ha trovato chiuso il Monte dei Pegni; ma Schaunard, invece, arriva tutto esultante portando del denaro, frutto di un’insolita sua prestazione musicale. I quattro amici decidono di festeggiare la vigilia di Natale con una cena al Quartiere Latino, quando giunge, non gradito, il padrone di casa Benoît a reclamare la pigione dell’ultimo trimestre. Costretto a bere dai turbolenti inquilini, il vecchio si lascia andare ad imprudenti confidenze sulle sue infedeltà coniugali e viene perciò cacciato con alte grida di riprovazione dagli improvvisati moralisti. Marcello, Colline e Schaunard escono; Rodolfo deve attardarsi per finire un articolo di giornale. Mentre il poeta sta scrivendo, fa la sua apparizione Mimì, una dolce e bella grisette che abita in una soffitta dello stesso casamento. Le si è spenta la candela, chiede aiuto a Rodolfo: ma, appena entrata, si sente male e le cadono di mano il candeliere e la chiave di casa. Rodolfo è colpito dal pallore e dalla bellezza della fanciulla. L’aiuta a rimettersi ma, trovata nel buio la chiave, si guarda bene dal restituirla a Mimì: chiamato a gran voce dagli amici impazienti di far baldoria, convince la ragazza ad unirsi a loro. Mimì dolcemente cede. Già innamorati, i due giovani si baciano, poi a braccetto, si avviano giù per la scala.

Quadro secondo
Al Quartiere Latino.
Colline ha comprato un vecchio, sdrucito pastrano; anche Schaunard fa acquisti, mentre Rodolfo e Mimì si aggirano fra la folla, felici del loro amore. Il solo Marcello è triste e pensieroso: la bella Musetta, infatti, lo ha abbandonato da qualche tempo per correre dietro a nuovi amori. Rodolfo compra una cuffietta rosa a Mimì e presenta la ragazza agli amici; tutti insieme si siedono ad un tavolo del Caffè Momus ed ordinano una ricca cena. Appare ad un tratto sulla piazza Musetta, elegantemente vestita: le vien dietro Alcindoro, un vecchio pomposo e ridicolo che è il suo amante attuale. Scorto Marcello, la ragazza si siede al tavolo vicino a quello degli amici e dal suo posto lancia frasi maliziose e occhiate eloquenti. Marcello finisce per cedere, una volta ancora, al fascino di Musetta, la quale civetta con lui dopo aver allon- tanato con un pretesto Alcindoro. Passa la banda militare seguita da una gran folla; i due amici si allontanano unendosi alla baraonda generale. Quando Alcindoro torna al suo tavolino, non trova più Musetta ma, in cambio, i due conti da pagare, e cade sopra una sedia allibito.

Quadro terzo
La Barriera d’Enfer.
In un cabaret vicino, lavora Marcello, ivi alloggiato insieme con Musetta, che dà lezioni di canto agli ospiti. È l’alba: gli spazzini si recano al lavoro, passano carrettieri e lattivendole. Mimì, pallida e sofferente, ha un colloquio con Marcello: la vita con Rodolfo è diventata impossibile, le liti e le incomprensioni sono all’ordine del giorno e la fanciulla non sa più che fare. Nascosta dietro agli alberi, Mimì assiste al colloquio tra Rodolfo – appena sopraggiunto – e Marcello: il poeta accusa Mimì di leggerezza e infedeltà ma poi – dietro insistenza di Marcello – confessa la vera ragione del suo modo d’agire. Mimì è gravemente ammalata e la vita nella fredda ed umida soffitta finirebbe per abbreviarle l’esistenza: è necessaria quindi una separazione. Mimì, dal suo nascondiglio, si lascia sfuggire un singhiozzo, e Rodolfo la scopre. Un appassionato colloquio s’intreccia tra i due amanti, che ricordano con struggente nostalgia tutte le gioie del periodo trascorso insieme. Alle tristi e dolorose parole di Mimì e di Rodolfo si uniscono, ad un certo punto, le frasi pungenti e velenose di Musetta e Marcello: il pittore ha scoperto l’amica mentre civettava con un avventore e le fa una violenta scenata di gelosia, alla quale la ragazza reagisce infuriata. Anch’essi si lasceranno: la vita in comune è diventata un inferno. Mentre Mimì e Rodolfo si avviano verso i loro ultimi giorni di felicità, Musetta continua a lanciare atroci insulti contro Marcello, che rientra nel cabaret furibondo.

Quadro quarto
Nella soffitta
Rodolfo e Marcello, da qualche tempo lontani da Mimì e Musetta, ostentano indifferenza e perfetta felicità, ma in realtà pensano e continuamente rimpiangono le amiche perdute. Giungono Colline e Schaunard che recano una magra cena: pane e un’aringa. Simulando un gaio e ricco festino, i quattro buontemponi inscenano una buffa pantomima, ballando e cantando con umoristico brio. Ma l’animata scena è interrotta dall’arrivo improvviso di Musetta, che accompagna Mimì sofferente e semisvenuta. La ragazza è infatti gravissima: sentendo prossima alla fine vuole rivedere il suo Rodolfo e, per strada, ha incontrato Musetta che da tempo la cercava. Rodolfo adagia Mimì sul letto e gli amici si prodigano per recarle qualche conforto: Musetta venderà i suoi orecchini, Colline impegnerà il suo vecchio pastrano. Rimasta sola con Rodolfo, Mimì rievoca i dolci momenti del loro amore e si stringe ancora, con infinita passione, all’unico uomo che ha veramente amato. Rientrati gli amici, Mimì prende con gioia dalle mani di Musetta un manicotto che ella crede dono di Rodolfo e si assopisce quietamente. Musetta prega per la salvezza dell’amica; Rodolfo continua ad illudersi finché il contegno degli astanti gli rivela che Mimì si è spenta. Piangendo, si getta allora sul corpo della fanciulla invocandola disperatamente.