Stagione 2010 del Teatro Massimo
9 opere e 2 balletti: un percorso fra sogni, utopie, sconfitte e realtà.
Una ricca stagione concertistica, con Temirkanov, Roberto Abbado e Gardiner.

Nomi di fama internazionale per un nuovo anno di intensa produttività, nel segno degli autori più amati dal pubblico: da Puccini a Verdi. Prestigiose coproduzioni internazionali.
Rinnovo abbonamenti dal 6 ottobre al 3 novembre.


Il 2010 del Teatro Massimo si articolerà attraverso un percorso di nove opere e due balletti con la conferma di un'opera al Verdura. Parallelamente si svolgerà una Stagione Sinfonica con undici appuntamenti ed eventi collaterali di particolare rilievo. Il cartellone è contrassegnato anche quest’anno da un notevole sforzo produttivo con quasi cento giornate di spettacolo, fra opere, concerti, danza e manifestazioni appositamente ideate per gli studenti.
Impostato sul filo conduttore di Sogno-Realtà-Illusione il programma annovera classici del melodramma - come Nabucco, La bohème, Aida e Il barbiere di Siviglia - opere di più rara esecuzione – Maria Stuarda, Don Quichotte e La fanciulla del West, una prima rappresentazione in Italia – Die Gezeichneten – e una in prima assoluta, Alice nel paese delle meraviglie.
Continuando nella strada intrapresa con successo sia per il risultante abbattimento dei costi, sia per la maggiore visibilità del nostro teatro a livello internazionale, si è voluto estendere ulteriormente il raggio delle coproduzioni arrivando a coinvolgere anche tre importanti istituzioni straniere. Molta cura è stata anche dedicata alla scelta degli interpreti e dei registi, che annoverano grandi nomi, alcuni dei quali mai venuti a Palermo.
Anche per la stagione 2010 il Teatro Massimo, si avvale del supporto di UniCreditGoup, socio privato della Fondazione.

La Stagione 2010 del Teatro Massimo si inaugura il 22 gennaio (repliche fino al 31) con un nuovo allestimento di Nabucco di Giuseppe Verdi, opera–simbolo delle lotte risorgimentali per l’Unità d’Italia, nonché alto esempio della scrittura verdiana, da cui emergono passi celeberrimi soprattutto nelle scene corali. Seguirà (24 febbraio – 6 marzo) un titolo amatissimo: La bohème di Giacomo Puccini.

Dopo il periodo pasquale, in prima assoluta per l’Italia, va in scena con un nuovo allestimento il capolavoro del compositore austriaco Franz Schreker: Die Gezeichneten (“I predestinati”) scritto tra il 1913 e il 1915, come dramma psicanalitico in cui si contrappongono bellezza e oscenità, sensualità e candore, sogno e realtà, amore e morte (dal 14 al 21 aprile). Alla fine di maggio (21–28 maggio) Maria Stuarda di Gaetano Donizetti, opera mai rappresentata al Teatro Massimo (a Palermo solo un’altra volta, al Politeama Garibaldi nel 1990). Lo spettacolo (firmato da Denis Krief) ha debuttato recentemente con successo a Venezia ed è il frutto di una coproduzione tra ben quattro teatri italiani: il Massimo, La Fenice di Venezia, il San Carlo di Napoli e il Teatro Verdi di Trieste, una collaborazione storica e innovativa per numero di firmatari.

Dal 18 al 26 settembre torna sulle scene del Teatro Massimo Il barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini. A ottobre appuntamento con l’opera francese, per il ritorno dopo 42 anni del Don Quichotte di Jules Massenet, opera di cui si festeggia il centenario dal debutto; ispirata al capolavoro di Cervantes, l’opera riassume le tipiche dicotomie tra finzione e realtà che costruiscono la trama del celebre romanzo spagnolo (15–21 ottobre).

Il 10 dicembre 1910 debuttava a New York la pucciniana Fanciulla del West (l’opera del sogno americano, fatto in egual misura di illusioni e crude amarezze): per festeggiare tale centenario, il Teatro Massimo presenterà, proprio in coincidenza con quella data, un nuovo allestimento realizzato tramite una prestigiosa coproduzione internazionale (10–18 dicembre).

Due saranno gli appuntamenti con il balletto classico: Coppélia di Léo Delibes (18–23 marzo) tratto dall’omonimo racconto di E.T.A. Hoffmann; quindi la ripresa (11–18 giugno) di Franca Florio, Regina di Palermo, spettacolo di successo firmato da Lorenzo Ferrero (musica) e Luciano Cannito (regia e coreografia), ispirato a fatti reali della Palermo fin de siècle.

Il successo del dittico Cavalleria rusticana e Pagliacci ha confermato il desiderio del pubblico di assistere a opere di repertorio nel contesto en plein air del Teatro di Verdura.
Per questo motivo nel luglio 2010 verrà presentata una nuova edizione di una delle più note e amate opere di Giuseppe Verdi, già allestita nei teatri all’aperto di tutto il mondo: Aida.

Molte e interessanti novità anche nel calendario delle attività dedicate agli studenti, costante impegno della Fondazione nella divulgazione musicale, che ha dato risultati lusinghieri nelle precedenti stagioni. Nel novembre 2010, Alice nel paese delle meraviglie, una nuova creazione ispirata all’omonimo romanzo di Lewis Carroll.

Particolare importanza riveste la nuova stagione sinfonica 2010, più ricca di appuntamenti di quella dell’anno in corso. Ancora una volta si è cercato di concentrare l’attenzione su grandi direttori e grandi interpreti e di offrire al pubblico palermitano una vasta scelta: all’Orchestra del Teatro Massimo guidata da direttori quali Roberto Abbado per il Requiem di Verdi e Srboljub Dinic per i Carmina Burana di Orff, Christian Arming, Günter Neuhold, Stefan Anton Reck, si alterneranno due compagini internazionali come l'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo diretta da Yuri Temirkanov (23 marzo) e la London Symphony diretta da sir John Eliot Gardiner con la violinista Viktoria Mullova (19 dicembre). Fra gli ospiti al fianco dell'Orchestra del Teatro, artisti di confine, beniamini di un pubblico meno tradizionale, come il cantante Francesco Renga che duetterà con il soprano Daniela Dessì per l'inaugurazione del 28 gennaio.

Da segnalare anche la serata dedicata a Beethoven di cui il pianista Rudolph Buchbinder con l'Orchestra del Teatro eseguirà i Concerti n. 4 e n. 5 (4 febbraio).
Il 1° marzo Omaggio a Eliodoro Sollima, compositore e didatta di cui si ricordano i dieci anni dalla morte, con un concerto cameristico che coinvolgerà tra gli altri anche il figlio Giovanni e il pianista Giuseppe Andaloro. Un concerto è fissato anche al Teatro di Verdura (25 giugno) diretto sempre da Srboljub Dinic con un programma sinfonico-corale tratto da opere di Giuseppe Verdi


Dopo la felice esperienza dello scorso anno, si ripete la sinergia con l’Associazione Siciliana Amici della Musica: nel 2010 l’Orchestra del Teatro sarà ospite al Politeama Garibaldi per quattro concerti al fianco di due artisti straordinari quali il pianista Boris Berezovsky (9 e 10 febbraio) e la percussionista Dame Evelyn Glennie (23 e 24 novembre).

Naturalmente il 28 marzo, come precedentemente annunciato, avrà luogo il concerto di Riccardo Muti con la Philharmonia Orchestra, ma trattandosi di un semplice slittamento di data rispetto alla programmazione dell’anno in corso, esso sarà esclusivamente riservato agli abbonati della stagione 2009 e a coloro che già possiedono il biglietto.

Come già evidenziato per la produzione di Alice nel paese della meraviglie anche nel nuovo anno, forti dell’ampio gradimento che hanno avuto fino ad ora le iniziative del Teatro a favore dei giovani e giovanissimi, una particolare attenzione è dedicata alla programmazione de La Scuola va al Massimo, con un un’attività che spazia dall’opera alla danza, alla manipolazione del linguaggio musicale attraverso codici più familiari ai ragazzi, a percorsi didattici propedeutici alla fruizione consapevole degli spettacoli.
Per i più piccoli sono in programma fiabe in musica, sezioni dedicate alla danza e alla voce, attività didattiche e laboratori, visite ai laboratori scenografici di Brancaccio, prove di regia e due spettacoli veri e propri, Scene da Bohème e appunto Alice in cui saranno impegnate l’orchestra, il coro,e il corpo di ballo e il coro di voci bianche della Fondazione. Per i più grandi, invece,è prevista la ripresa di due spettacoli che tanto consenso hanno ottenuto negli anni passati, Off Traviata e Off Puccini. Inoltre, con l’obiettivo di creare l’abitudine a individuare nel Teatro un punto di riferimento fugando la preoccupazione che questo sia un luogo inaccessibile, si svilupperanno delle azioni volte a valorizzare la convergenza del teatro musicale con altre espressioni della cultura attraverso modalità più consuete ai giovani. Quindi le opere in cartellone e i concerti saranno un pretesto per aprire le porte del Teatro ad incontri con artisti e registi, a visite guidate in palcoscenico, a mostre e conferenze. Una particolare enfasi sarà posta sulla preparazione all’ascolto dell’opera Die Gezeichneten che contiene una tematica più complessa e la cui impronta espressionista e più affine alla sensibilità dei nostri giorni e si presta maggiormente ad approfondimenti e discussioni.
“La Scuola va al Massimo” è organizzata in collaborazione con il Ministero della Pubblica Istruzione, dell’Università e della Ricerca, - Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia – Ufficio Scolastico Provinciale di Palermo.

Calendario degli spettacoli 2010

STAGIONE DI OPERE E BALLETTI 2010
22-31 gennaio
Giuseppe Verdi
NABUCCO

24 febbraio - 6 marzo
Giacomo Puccini
LA BOHÈME

18 - 23 marzo
Léo Delibes
COPPÉLIA

14 - 21 aprile
Franz Schreker
DIE GEZEICHNETEN

21 - 28 maggio

Gaetano Donizetti
MARIA STUARDA

11 - 18 giugno
Lorenzo Ferrero / Luciano Cannito
FRANCA FLORIO REGINA DI PALERMO

luglio - Teatro di Verdura
Giuseppe Verdi
AIDA

18 - 26 settembre
Gioachino Rossini
IL BARBIERE DI SIVIGLIA

15 - 21 ottobre
Jules Massenet
DON QUICHOTTE

16 - 19 novembre
ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE

10 - 18 dicembre
Giacomo Puccini
LA FANCIULLA DEL WEST

STAGIONE DI CONCERTI 2010

28 gennaio 2010
Daniela Dessì e Francesco Renga


5 febbraio 2010
Sascha Goetzel e Rudolf Buchbinder


1 marzo 2010
Omaggio a Eliodoro Sollima


22 marzo 2010
Yuri Temirkanov e l'Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo


28 aprile 2010
Christiam Arming


6 maggio 2010
Roberto Abbado


3 giugno 2010
Andrea Battistoni


25 giugno 2010 - Teatro di Verdura
Verdi Gala


26 ottobre 2010
Stefan Anton Reck


30 ottobre 2010
Srboljub Dinic


19 dicembre 2010
John Eliot Gardiner, Viktoria Mullova e la London Symphony Orchestra

23 dicembre 2010
Concerto di Natale