Personaggi e interpreti Orari e turni Argomento
AVVISO AL PUBBLICO
Venerdì 20 e domenica 22 marzo 2009 il Faust di Gounod non ha avuto luogo a causa di uno sciopero. Gli abbonati e i posessori di biglietti per la recita di venerdì 20 marzo possono ottenere il rimborso sino a sabato 4 aprile 2009; i possessori di biglietti per la recita di domenica 22 marzo possono ottenere il rimborso sino a martedì 7 aprile 2009 esclusivamente presso il botteghino del Teatro Massimo (ore 10-15 tutti i giorni tranne lunedì).

Opera in cinque atti di Charles Gounod su libretto di Jules Barbier e Michel Carrè
dal Faust di Johann Wolfgang Goethe
Personaggi Interpreti
Le docteur Faust Andrea Bocelli
Méphistophélès Roberto Scandiuzzi
Valentin Jean-François Lapointe
Wagner Richard Rittelman
Marguerite Alexia Voulgaridou
Siebel Elena Belfiore
Marthe Doris Lamprecht
Direttore Michel Plasson

In forma di concerto

Orchestra e Coro del Teatro Massimo
Maestro del coro Andrea Faidutti
Venerdì 20/03/2009 20.30
Domenica 22/03/2009 18.30 Fuori abbonamento
Durata
Prima parte 60 minuti

Intervallo
15 minuti

Seconda parte
45 minuti

Intervallo
15 minuti

Terza parte
60 minuti
Argomento
Primo atto
Nel suo studio il vecchio dottor Faust si interroga sulla vanità delle sue ricerche. Si odono dall’esterno canti che salutano la primavera e la resurrezione e che fanno disperare Faust. Appare Mefistofele che gli offre fortuna, gloria e potenza. Faust preferisce la giovinezza. Mefistofele gli promette che l’avrà in cambio della sua anima. Faust esita ma poi si lascia convincere dall’immagine meravigliosa di Margherita fatta apparire da Mefistofele. Allora il vecchio dottore firma il patto e viene trasformato in un giovane elegantissimo pronto ai piaceri della vita.

Secondo atto
Valentino, in procinto di partire per la guerra, affida la sorella Margherita alle cure dell’amico Siebel; per se stesso non teme, sarà protetto dalla medaglia sacra che Margherita gli ha donato. Si unisce quindi ai compagni d’arme cercando di intonare una canzone lieta per scacciare la tristezza. Sopraggiunge Mefistofele che canta e poi si esibisce come indovino predicendo a Wagner la morte in battaglia, a Valentino la stessa sorte in duello, a Siebel che non potrà più toccare fiori senza che appassiscano. Brinda quindi alla salute di Margherita. Esasperato, Valentino cerca di colpirlo ma la spada gli si spezza in due. Per combattere il sortilegio satanico gli astanti incrociano le spade. Mefistofele si allontana imbattendosi in Faust che lo sollecita a fargli incontrare Margherita. La ragazza esce dalla chiesa, mentre si scatena un valzer vorticoso. Mefistofele allontana Siebel e Faust può avvicinare Margherita che, con garbo, respinge le profferte amorose del cavaliere. Mefistofele promette il proprio aiuto a Faust per conquistare la ragazza.

Terzo atto
Nel giardino sul retro della casa di Margherita, al crepuscolo. Arriva Siebel, che coglie fiori per Margherita. Non fa in tempo a toccarli, però, che avvizziscono. Bagna allora la mano con l’acqua benedetta e il sortilegio svanisce. Raggiante, depone i fiori sulla soglia. Sopraggiungono Faust e Mefistofele. Faust è turbato dall’incanto del luogo, vorrebbe fuggire ma Mefistofele lo richiama e depone un cofanetto di gioielli a fianco dei fiori di Siebel. Margherita, assorta nell’immagine del giovane incontrato la mattina, si siede all’arcolaio e canta. Accortasi dei fiori e del cofanetto, non sa resistere alla tentazione di indossare i gioielli. Entra la vecchia Marta. Si fanno avanti Faust e Mefistofele. Quest’ultimo annuncia a Marta la morte del marito e inizia, subito dopo, a corteggiarla. La vecchia si consola in fretta della vedovanza e passeggia compiacente con Mefistofele. Faust può così stringere d’assedio Margherita, che si rifugia però in casa quando la corte diviene troppo pressante. Faust vorrebbe fuggire, felice del momento vissuto, ma Mefistofele lo trattiene. Margherita si affaccia alla finestra e, credendosi sola, dichiara tutto il proprio amore. Faust allora, travolto dalla passione, si presenta a Margherita che gli si abbandona fra le braccia tra le risa di Mefistofele.

Quarto atto
Sedotta e abbandonata da Faust, Margherita è disprezzata da tutti. Intenzionata a cercare conforto in Dio, la ra- gazza entra in una chiesa ma è tormentata da Mefistofele, che le ricorda il passato e le preannuncia la dannazione. Tornano i soldati dalla guerra; tra loro è Valentino, che non tarda ad apprendere da Siebel ciò che è successo. Entrano Faust e Mefistofele: il primo vuol rivedere Margherita, il secondo le intona una serenata offensiva. Giunge furibondo Valentino che sfida a duello Faust, il quale, aiutato da Mefistofele, ferisce a morte l’uomo. I due fuggono quando accorrono Marta, Margherita e un gruppo di borghesi. Prima di spirare, Valentino maledice la sorella.

Quinto atto
Mefistofele conduce Faust nel suo regno, le montagne dello Harz. È la notte di Valpurga.(*) A un cenno di Mefistofele il paesaggio sinistro si muta in un palazzo meraviglioso: le regine e le celebri cortigiane dell’antichità si offriranno a Faust per cancellare il ricordo del passato. Ma ecco d’improvviso la visione di Margherita, con il collo cerchiato di sangue. Turbato, Faust ordina a Mefistofele di condurlo da lei. Margherita langue in prigione: presa dalla disperazione, ha ucciso il figlio avuto da Faust e deve essere giustiziata all’alba. Giunge Faust; Margherita, fuori di sé, lo abbraccia e rievoca il passato. Inutilmente Faust cerca di convincerla a fuggire. Quando Margherita si accorge della presenza di Mefistofele, invoca le potenze celesti, respinge Faust e cade a terra morta. «Dannata», grida Mefistofele. «Salvata», canta un coro celeste, inneggiando alla resurrezione.

(*) Nella presente edizione, in forma di concerto, la scena della Notte di Valpurga non viene eseguita.