Vai all'Archivio del Teatro Massimo
 
Teatro di Verdura
6 luglio 2008, ore 21.15
CASSANDRA
Balletto in due atti di Luciano Cannito
dall'omonimo racconto di Christa Wolf


Musiche originali Marco Schiavoni e brani di Sergei Prokof'ev, Camille Saint-Saëns ed Elvis Presley
Regia e coreografia di Luciano Cannito (ripresa da Luigi Neri)
Costumi Elena Cicorella
Luci Carlo Cerri
Cassandra Eleonora Abbagnato
Enea Ivan Ortega
Hellen Carmen Marcuccio
Paride Manuel Paruccini
Ulisse Vito Pansini
Priamo Ettore Valsellini
Ecuba Carla Livio

Corpo di Ballo del Teatro Massimo



Primo appuntamento dell'estate 2008 con la danza: sarà in scena l’applaudissimo balletto di Luciano Cannito Cassandra. Al debutto in Sicilia, è una delle più fortunate creazioni del direttore del Corpo di Ballo del Teatro Massimo, interpretata dalla prima ballerina dell’Opéra di Parigi, la palermitana Eleonora Abbagnato, che darà vita al controverso personaggio di Cassandra, mitologica profetessa inascoltata della cultura classica. Al suo fianco il giovane danzatore spagnolo Ivan Ortega. Si tratta di una trasposizione in chiave moderna della guerra di Troia ambientata nella Sicilia degli anni Cinquanta: Priamo, padre di Cassandra, è il sindaco di un paese dell’entroterra siculo; Paride è il fratello emigrato in cerca di fortuna che torna dall’America con la moglie strappata a un miliardario. In questo lavoro, come ha sottolineato la critica, Cannito riesce ad amalgamare abilmente una varietà di stili, classico, moderno e folk, per meglio definire i diversi personaggi e dare spessore all’ambientazione.


Foto di scena
(Fare click sulle foto per ingrandirle)









Foto Franco Lannino ©Studio Camera