-->
Vai all'Archivio del Teatro Massimo
7 aprile 2008, h 20.30

Direttore Enrico Onofri
Basso Antonio Abete

Ensemble Antonio Il Verso
Violini primi Riccardo Minasi (spalla e solo), Monika Toth,
Salvatore Amplo, Gabriele Politi, Boris Begelman, Paolo Perrone
Violini secondi Francesco Colletti (spalla e solo), Alfya Bakyeva,
Salvatore Guiscardo, Valerio Losito, Alberto Caponi, Ulrike Slowik
Viole Gian Claudio Del Moro, Giannicola Stagno
Violoncelli Viviana Caiolo, Alessandro Palmeri
Contrabbasso Luca Ghidini
Fagotto e controfagotto Maurizio Barigione
Tiorba Silvio Natoli
Clavicembalo Ignazio Maria Schifani
Clavicembalo e organo Basilio Timpanaro
 

Programma

Georg Friedrich Händel

Concerto grosso op. 6 n. 1 in sol maggiore
A tempo giusto - Allegro e forte
Adagio - Allegro - Allegro


“Geroglifici eterni / Tra caligini profonde”
Orlando,
aria di Zoroastro

Concerto grosso
op. 6 n. 3 in mi minore
Larghetto - Andante - Allegro
Polonaise. Andante - Allegro ma non troppo


“Sento il cor che lieto gode”
Fernando, aria di Altomaro

Concerto grosso op. 6 n. 7 in si bemolle maggiore
Largo - Allegro - Largo e piano
Andante - Hornpipe

“Fra l’ombre e gli orrori”
Fernando, aria di Altomaro

Concerto grosso op. 6 n. 2 in fa maggiore
Andante larghetto - Allegro - Largo. Adagio.
Larghetto andante e piano - Allegro ma non troppo,

“Nel mondo e nell’abisso”
Tamerlano, aria di Leone

 

Note

L’Ensemble Antonio Il Verso, compagine vocale e strumentale ad organico variabile, si è costituito nel 1982 per dedicarsi alla musica rinascimentale e barocca, avvalendosi della collaborazione dell’Istituto di Storia della musica dell’Università di Palermo, oggi sezione musica del Dipartimento Aglaia, suo punto di riferimento scientifico.
Sin dalla fondazione partecipa a manifestazioni concertistiche in Italia e all’estero. Ha collaborato con l’Ensemble Elyma, diretto da Gabriel Garrido, alla realizzazione di opere barocche eseguite a Palermo per il Teatro Massimo come La colomba ferita e Lo schiavo di sua moglie di Francesco Provenzale, il Vespro per lo Stellario della Beata Vergine di Bonaventura Rubino, i due oratori Santa Rosalia e Il trionfo della morte per il peccato di Adamo di Bonaventura Aliotti, Dafne di Marco da Gagliano, il Progetto Monteverdi nell’ambito del quale sono stati rappresentati e incisi per l’etichetta K617 L’Orfeo, Il ritorno d’Ulisse in patria, Il combattimento di Tancredi e Clorinda, il Vespro della Beata Vergine e L’incoronazione di Poppea, titoli acclamati come di assoluto riferimento da parte della critica internazionale.
 

Foto di scena

(Fare click sulle foto per ingrandirle)





Foto Franco Lannino ©Studio Camera