Go to the Teatro Massimo Archive homepage
18 luglio 2006, ore 21.15
Simple Minds

Voce Jim Kerr
Chitarra, basso, tastiere e percussioni Charlie Burchill
Chitarra, basso, tastiere e percussioni Gordy Goude
Chitarra acustica Mark Kerr


Note

Fondato nel 1978, il gruppo scozzese dei Simple Minds incide i suoi primi due album, Life in a Day e Real to Real Cacophony, già l’anno successivo alla sua fondazione, ma è intorno alla metà degli anni Ottanta che la formazione - dopo la positiva accoglienza riservata dalla critica alle sue prime incisioni - si impone definitivamente all’attenzione del grande pubblico grazie al successo di Don't You (Forget About Me), canzone incisa per la colonna sonora del film The Breakfast Club di John Hughes (1985).

A partire dalla fine degli anni Ottanta il gruppo scozzese si lancia nell'impegno politico, realizzando progetti ambiziosi come Conspiracy Of Hope, un tour tenuto in favore di Amnesty International, e il concerto per la liberazione del leader nero sudafricano Nelson Mandela.

Dopo numerosi mutamenti stilistici e sperimentazioni diverse, dalla fine del 1989, con l’abbandono del gruppo da parte del tastierista Mick MacNeil, l’attività del gruppo subisce una brusca battuta d’arresto cui segue un periodo di stallo che termina nel 1995 con l’uscita di Good News from the Next World poco notato dal pubblico statunitense ma positivamente accolto quello europeo e dalla critica.

È l’inizio di un rilancio che segna la rinascita creativa della band che torna ad esibirsi nuovamente sulla scena internazionale e che porta alla creazione di numerosi nuovi album: Neapolis (1998), Our Secrets are the Same (2000), Neon Lights (2001), Cry (2002) fino al recentissimo Black & White 050505 (2005).