The Swingle Singers al Teatro Massimo

The Swingle Singers al Teatro Massimo

24 Gen 2005

Mercoledì 26 gennaio, alle ore 21, al Teatro Massimo, è di scena l’ottetto vocale The Swingle Singers. Dal 1963, anno in cui Ward Swingle formò a Parigi un gruppo vocale cui diede il proprio nome, i Swingle Singers diffondono, con il loro originalissimo repertorio, un nuovo modo di vivere e di intendere la musica. Durante le loro frequenti tournée in tutto il mondo riscuotono unanimi consensi di pubblico e commenti entusiastici della critica. La tecnica vocale impeccabile e la straordinaria fusione dei timbri permettono ai Swingle Singers di avere un repertorio che spazia da Bach (autore prediletto) al jazz, dai madrigalisti a Duke Ellington, da Mozart a Gershwin, fino alle composizioni d¹avanguardia, ai temi di colonne sonore cinematografiche o ai motivi popolari. L¹ottetto vocale si esibisce indifferentemente in jazz club o teatri d’opera, chiese o sale da concerto. Le esecuzioni della Sinfonia di Luciano Berio (scritta per i Swingle Singers e per la New York Philharmonic) hanno permesso loro di instaurare un rapporto regolare con le migliori orchestre del mondo fra cui London Symphony, Royal Philharmonic, Chicago Symphony e con direttori come Pierre Boulez. Nel 1990 il gruppo ha eseguito in prima mondiale alla Scala di Milano l’opera di Azio Corghi Blimunda, poi ripresa a Lisbona e Torino; dopo questa fortunata collaborazione Azio Corghi ha coinvolto i Swingle Singers anche per l’opera Tat’jana (Teatro alla Scala, ottobre 2000). Nel 1996 i Swingle Singers hanno partecipato alla prima assoluta di Outis di Berio alla Scala. Nello stesso anno hanno collaborato con il gruppo inglese Pulp per registrare le musiche di una serie televisiva. Nel 2000, anno delle celebrazioni bachiane, i Swingle Singers hanno dedicato un programma speciale al grande musicista tedesco, commissionando appositamente nuovi brani a Michael Nyman, Anthony Pitts e altri. Un altro progetto di straordinario successo è quello con la compagnia di danza americana Momix. Fra i numerosi riconoscimenti ricevuti sono da segnalare ben cinque Grammy Awards. I Swingle Singers sono ospiti abituali dell¹Accademia Nazionale di Santa Cecilia. The Swingle Singers si esibirà con la seguente formazione: Julie Kench, soprano, Meinir Thomas, soprano, Kineret Ertz, contralto, Jhoanna Marshall, contralto, Tom Bullard, tenore, Richard Eteson, tenore, Tobias Hug, basso, Jeremy Sadler, basso. Philip Hartley, ingegnere del suono. Tom Bullard, direttore musicale. II programma prevede musiche di W.A. Mozart, J.S.bach, Miles Davis, Jerome Kern, John Lennon, McCartney, Procul Harum, Nat Kin Cole, Irving Mills.
L’Ufficio Stampa
Palermo, 24 gennaio 2005