Sciopero in occasione del Faust, 20 marzo 2009

Sciopero in occasione del Faust, 20 marzo 2009

18 Mar 2009

Il debutto dell’opera Faust di Charles Gounod (in forma di concerto), previsto per venerdì 20 marzo non avrà luogo a causa di uno sciopero nazionale proclamato da tutte le sigle sindacali (SLC–CGIL – FISTEL–CISL – UILCOM–UIL – FIALS–CISAL) contro i previsti tagli ai finanziamenti ministeriali per le attività delle fondazioni lirico–sinfoniche.
L’intero Consiglio di Amministrazione del Teatro Massimo, pur condividendo insieme ai lavoratori le preoccupazioni per le prospettive legate ai tagli finanziari, si dichiara in disaccordo con la mancata realizzazione dello spettacolo, ritenendo tali forme di protesta non funzionali né alla sensibilizzazione nei confronti dell’attuale contingenza, né propositivi di soluzioni alternative, come per esempio la protesta organizzata in occasione del debutto di Lohengrin lo scorso gennaio in coincidenza con l’apertura della Stagione 2009. Gli unici risultati di queste forme di protesta estreme sono il disagio, l’ulteriore scollamento dei teatri dal loro pubblico e la negativa ripercussione sui finanziamenti che si vorrebbero salvaguardare e far accrescere. Infatti il FUS–Fondo Unico per lo Spettacolo viene annualmente ripartito seguendo parametri che dipendono dal numero delle manifestazioni effettuate e dagli incassi realizzati: falcidiare le Stagioni tramite iniziative di astensione dal lavoro non solo inficia i progetti culturali ma incide anche negativamente sugli incassi del teatro e sull’entità dei finanziamenti FUS.
È altresí con rammarico che il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Teatro Massimo lamenta il parziale mancato coronamento della collaborazione fra i suoi artisti e importanti ospiti di prestigio internazionale come il direttore d’orchestra Michel Plasson, Andrea Bocelli, Alexia Voulgaridou, Roberto Scandiuzzi e tutti gli altri interpreti del Faust, che in queste ultime settimane sono stati in Teatro per la preparazione di questo importante appuntamento che ha fatto registrare da alcune settimane il tutto esaurito per entrambe le repliche e che sarebbe inoltre diventato un cd.
Gli abbonati e i possessori di biglietti per la recita di venerdì 20 marzo potranno ottenere il rimborso direttamente presso il botteghino del Teatro Massimo da sabato 21 marzo a sabato 4 aprile 2009 (ore 10–15 tutti i giorni tranne il lunedì).
Palermo, 18 marzo 2009