Record di presenze al Teatro Massimo - Presentazione del cenone di San Silvestro

Record di presenze al Teatro Massimo - Presentazione del cenone di San Silvestro

4 Dic 2009

Dicembre sarà un mese molto intenso per il Teatro Massimo, reduce da una serie di successi e pronto a nuove iniziative e spettacoli.

Si sono concluse con enormi consensi le repliche di Rigoletto di Giuseppe Verdi, spettacolo applaudito da quasi 12.000 spettatori che hanno festeggiato ogni sera tutti i protagonisti, in primo luogo il baritono Leo Nucci – che ha più volte concesso bis – il tenore Francesco Meli e il soprano Norah Amsellem.

In contemporanea, al mattino, è andato in scena Bianco Rosso e Verdi, spettacolo per gli studenti dedicato alla vita del grande compositore italiano e alla storia dell’Italia risorgimentale che è stato inserito nell’ambito delle celebrazioni nazionali per il 150 anni dell’Unità d’Italia (1861–2011), promosse da un comitato interministeriale e segnalato dalla presenza del logo ufficiale, recante tre bandiere tricolore simbolo degli altrettanti giubilei nazionali (1911, 1961 e 2011). Nei palchi del Teatro si sono alternati oltre 7000 piccoli spettatori, studenti provenienti da oltre 60 scuole (non solo da Palermo ma da tutta la Sicilia) che sono stati parte attiva e integrante della rappresentazione: preparati dagli operatori del teatro e dai loro insegnanti, hanno cantato in cinque momenti prestabiliti, fra cui il “Va’ pensiero” da Nabucco e il “Brindisi” della Traviata.

In poco meno di due settimane il Teatro ha così ospitato circa 20.000 spettatori, alcuni forse per la prima volta, dimostrando un’elevata capacità produttiva e una non comune varietà di proposte.

Tali risultati si rispecchiano anche nella campagna di vendita degli abbonamenti per il 2010 che procede con ritmi sostenuti. Terminata la fase di rinnovo è attualmente possibile acquistare gli abbonamenti a tutti i turni da 11, 10 o 5 spettacoli di opere e balletti, con prezzi che vanno da un minimo di 40 euro per gli studenti a un massimo di 775 euro. È in corso anche la campagna abbonamenti della Stagione di concerti (11 appuntamenti, da 100 a 300 euro).

Da domenica 20 dicembre sarà possibile invece acquistare i biglietti per i singoli spettacoli.

Sabato 5 dicembre alle ore 10.30, in Sala ONU, avrà luogo invece la presentazione alla stampa e al pubblico della serata di Gala in programma in Teatro il prossimo 31 dicembre, per festeggiare l’arrivo del 2010: cenone e concerto della Swing Dance Orchestra per un fine anno esclusivo nella sala del Basile.

Dal 17 al 23 dicembre, per 10 repliche pomeridiane e serali, invece torna la danza con uno dei capolavori del balletto classico: La bella addormentata. Protagoniste in alternanza, accanto al Corpo di ballo e ai Giovani danzatori del Teatro Massimo, due coppie di primi ballerini d’eccezione: la prima, Dorothée Gilbert e Alessio Carbone, proveniente dall’Opéra di Parigi, l’altra con la georgiana Nina Ananiashvili e Vasil Akhmeteli, che ha calcato i più importanti teatri russi e internazionali come il Bolshoi di Mosca e l’American Ballet Theater di New York. Per mettere in scena la versione originale del balletto firmata da Marius Petipa – per la prima volta in scena al Teatro Massimo – è stata chiamata Irina Kolpakova, storica interprete del ruolo di Aurora sul palcoscenico del Kirov (oggi Mariinskij) di San Pietroburgo e docente presso l’American Ballet Theater. Sul podio dell’Orchestra del Teatro Massimo uno specialista russo quale Alexander Titov; le scene sono di Giuseppe De Filippi Venezia (Fondazione Arena di Verona), i costumi di Beni Montresor (Fondazione Teatro dell’Opera di Roma).