Oscar Pizzo è il nuovo direttore artistico del Teatro Massimo

Oscar Pizzo è il nuovo direttore artistico del Teatro Massimo

29 Set 2014

È Oscar Pizzo il nuovo direttore artistico della Fondazione Teatro Massimo: pianista e curatore di rassegne internazionali, il suo nome come interprete è legato alla musica contemporanea. Fondatore dell’ensemble Alter Ego – fra i più prestigiosi della scena odierna – vanta numerosi incarichi come direttore artistico e ideatore di iniziative come la stagione “Contemporanea” presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma-Fondazione Musica per Roma; la rassegna “Suona Francese” per conto dell’Institut Français e dell’Ambasciata di Francia in Italia della quale, dal 2010, è Consigliere Culturale per la Musica. Direttore di Giuria (sezione musica) per il Prix de Rome 2012, è stato Consigliere Artistico del Commissario per il Teatro Petruzzelli di Bari negli scorsi due anni. Nel 2013 è stato insignito dal Ministro della Cultura Francese dell’onorificenza di Chevalier de l’ordre des Arts et des Lettres.

 

«Con la nomina del direttore artistico» - dichiara il Sindaco Leoluca Orlando – «si avvia a compimento il riassetto della dirigenza del Teatro Massimo all’insegna della specificità delle competenze. A pochi mesi dalla nomina di Francesco Giambrone alla sovrintendenza, si sta infatti rapidamente definendo non un semplice “vertice” gestionale ma un polo di eccellenza musicale che sarà determinante nell’opera di riposizionamento del Teatro Massimo nel panorama musicale internazionale».

 

«Con il nuovo Direttore artistico» – afferma il Sovrintendente Francesco Giambrone – «si delinea sempre più chiaramente l’assetto della governance artistica e prende forma il progetto che tra qualche giorno sarà definito fin negli ultimi dettagli con la nomina del Direttore musicale. Il Direttore artistico che dal 2015 guiderà la programmazione del nostro teatro è infatti uno dei protagonisti della vita musicale italiana degli ultimi anni, attivo a tutto campo, dalla divulgazione alla sperimentazione. Sono certo che con lui sarà possibile dare corpo a quel progetto di rilancio della Fondazione a partire dalla qualità della programmazione e dalla ricerca dell’eccellenza artistica. La grande esperienza di Oscar Pizzo nel campo dei nuovi linguaggi garantisce poi quella attenzione che un grande teatro d’opera deve avere nei confronti della musica d’oggi, della ricerca e dell’innovazione».

 

«Ho tre desideri» – confessa il neo direttore artistico Oscar Pizzo – «il primo è quello di proseguire una vocazione della mia famiglia di origini siciliane: quella di avvicinare la Sicilia all’Europa attraverso l’arte; il secondo, assai articolato, si concentra sul teatro, sui suoi spazi e sulla condivisione di essi col pubblico; il terzo, quello che mi viene più direttamente dall’essere un musicista, è di restare in ascolto, cioè di tendere l’orecchio a ogni voce del teatro, quindi alle istanze e alle proposte di chi lo vive dal di dentro, di chi ci lavora, perché sono convinto che valorizzare le diverse professionalità sia uno strumento chiave per una produzione culturale che ambisca al titolo di alta cultura, poiché le sommità più elevate si raggiungono con l’aiuto di tutti».