Ieri la prima di Pagliacci - Trionfo per Daniel Oren - Il ricordo di Franco Zeffirelli

Ieri la prima di Pagliacci - Trionfo per Daniel Oren - Il ricordo di Franco Zeffirelli

16 Giu 2019

Daniel Oren, in condizioni fisiche non ottimali ma indomabile nello spirito, ha trascinato la prima di Pagliacci, sabato 15 giugno al Teatro Massimo di Palermo, a un successo clamoroso: quindici minuti di ovazione al termine dello spettacolo per tutti e in particolare per il maestro, rimasto a ricevere gli applausi sul podio, circondato dall’affetto dell’Orchestra del Teatro e di tutta la sala.

Oren era già stato accolto con un lungo applauso al suo ingresso in sala, quando aveva ricordato con parole commosse Franco Zeffirelli, che il Teatro Massimo ha omaggiato ieri anche esponendo sulla scalinata una fotografia che lo ritrae durante le prove di Lucia di Lammermoor nel 1960 al Teatro Massimo: oggi sulla Web TV del Teatro Massimo verrà trasmessa La fille du régiment con le scene e i costumi disegnati da Zeffirelli nel 1959 per Palermo, l’allestimento più longevo del Teatro, riproposto per oltre cinquant’anni e portato anche in tournée in Oman. Sempre la Web TV del Teatro Massimo ha proposto ieri la diretta streaming di Pagliacci, seguita da migliaia di persone.

I protagonisti di Pagliacci, accolti tutti dall’entusiasmo del pubblico, sono stati un Canio intenso e sofferto, che ha commosso nell’aria alla fine del primo atto e nel finale dell’opera, interpretato dal tenore Martin Muehle, di ritorno a Palermo dopo l’Adriana Lecouvreur di due anni fa; una Nedda brillante e decisa, Valeria Sepe, beniamina del pubblico palermitano che l’ha già applaudita come Mimì e come Liù; un Tonio complesso, apprezzatissimo fin dal prologo per la voce e l’interpretazione, il baritono mongolo Amartuvshin Enkhbat; un Beppe/Arlecchino partecipe e spigliato, il tenore Matteo Mezzaro; e il Silvio di Elia Fabbian. A completare il cast Francesco Polizzi e Paolo Cutolo (due contadini).

Grande successo anche per il ritorno dell’allestimento del Teatro Massimo del 2007 con la regia di Lorenzo Mariani, scene e costumi di Maurizio Balò, con la coreografia di Luciano Cannito ripresa da Luigi Neri e le luci curate da Roberto Venturi.

Nelle prossime recite saranno in scena anche Carlo Ventre (Canio), Evgenia Muraveva (Nedda), Federico Longhi (Tonio) e Italo Proferisce (Silvio), mentre la recita del 21 giugno sarà diretta da Alessandro d’Agostini, che nella scorsa stagione ha diretto al Teatro Massimo L’elisir d’amore.

Ultimo impegno alla guida del Coro del Teatro Massimo per il maestro Piero Monti, che da settembre andrà a dirigere il Coro dell’Accademia di Santa Cecilia. In scena anche il Coro di voci bianche diretto da Salvatore Punturo e il Corpo di ballo del Teatro Massimo.

 

Recite fino al 23 giugno, biglietti da 125 a 15 euro.

La biglietteria è aperta dal martedì alla domenica dalle ore 9.30 alle ore 18.00 e nei giorni di spettacolo a partire da un’ora prima e fino a mezz’ora dopo l’inizio.