GLENN MILLER ORCHESTRA

GLENN MILLER ORCHESTRA

30 Set 2004

Mercoledì 6 ottobre, nella splendida cornice del Teatro Massimo di Palermo, uno dei teatri più affascinanti d’Italia, la Glenn Miller Orchestra, si esibirà in un concerto nazionale straordinario a favore del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano. La più celebre orchestra jazz del mondo diretta dall’olandese Wil Salden, torna in Italia dopo il tutto esaurito del 2003, con un repertorio apprezzato e molto amato non solo dai grandi estimatori del jazz. La serata, promossa da Giulia Maria Mozzoni Crespi, Presidente del Fai e da Vincenzo Calefati di Canalotti, Presidente Regionale Fai Sicilia, si avvale del patrocinio della Regione Siciliana, della Provincia Regionale di Palermo e del Comune Città di Palermo. L’intero ricavato dell’iniziativa verrà utilizzato per il recupero e il restauro del Giardino della Kolymbetra nella Valle dei Templi ad Agrigento, in concessione al FAI dalla Regione Siciliana dal 1999. Il FAI propone la musica come messaggio primario per riportare l'attenzione del pubblico sull’attività della Fondazione: un invito a diffondere l'impegno nella tutela dei Beni Artistici, ricordando che proteggere dalle ingiurie del tempo, dal degrado e dal disinteresse il nostro patrimonio d'arte, natura e cultura, il più straordinario del mondo, è un compito difficile e oneroso. La Glenn Miller Orchestra, sopravvissuta alla prematura scomparsa del suo fondatore, avvenuta il 15 dicembre 1944, mentre sorvolava la Manica con un piccolo aereo, diretto verso Parigi, è famosissima dalla sua fondazione, che risale al 1937: è sufficiente ricordare che durante la seconda guerra mondiale, nel 1943 in Inghilterra, la Glenn Miller Band venne ingaggiata per circa 800 spettacoli, 500 dei quali trasmessi alla radio e ascoltati da milioni di persone. Glenn Miller ha fatto emozionare milioni di giovani cuori nell'epoca delle grandi orchestre e della diffusione della musica nera nella high society bianca con un jazz brioso, celebrativo, sornione. La Band, che ha continuato con successo ad esibirsi senza interruzione fino ad oggi, eseguirà alcuni dei più celebri e celebrati brani suonati dal grande musicista e direttore d’orchestra statunitense. Tra i brani scelti, tutti originali e arrangiati ascoltando i vecchi dischi di Glenn Miller, padre dello swing, non mancheranno alcune tra le più note composizioni della musica jazzistica. La Glenn Miller Orchestra, diretta da Wil Salden, una delle più amate e ricercate nel mondo, è composta da 16 musicisti e vanta una eccezionale cantante: Mariske Hekkenberg, protagonista di numerose tournée jazzistiche. Ancora una volta, il FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano dimostra di essere, in Italia, uno dei centri culturali che più si impegna a diffondere musica di altissima qualità. Il primo obiettivo che il FAI si pone nell’organizzare questi eventi straordinari è quello di promuovere la cultura a tutti i livelli, in questo caso offrendo occasioni di incontro con un’orchestra di rilevanza internazionale, poiché, come è nella filosofia del FAI l’Arte e la Cultura, uniti all’amore per le belle cose, sono importanti e imprescindibili elementi di unione. Il secondo obiettivo del FAI è quello della raccolta fondi, per sostenere la sua attività istituzionale di conservazione dei Beni Artistici e Culturali italiani: finanziamento di progetti di restauro, manutenzione delle proprietà aperte al pubblico, programmazione di iniziative culturali a vari livelli che avvicinino gli italiani all’Arte, con l’intento di far scoprire o riscoprire i nostri monumenti, in alcuni casi trascurati o dimenticati, e in generale le bellezze naturali del nostro paese. I proventi del concerto saranno quindi destinati ai più urgenti lavori e alle attività di restauro. Per coloro che non potranno partecipare al concerto, esiste la possibilità di aiutare il Fondo per l’Ambiente Italiano con un contributo sul conto corrente postale n. 11711207 intestato al FAI o consultando il sito internet www.fondoambiente.it.
Per maggiori informazioni sul FAI consultare il sito www.fondoambiente.it
e-mail: