Conferenza stampa a Londra

Conferenza stampa a Londra

25 Ott 2005

Il Teatro Massimo allarga i suoi orizzonti e guarda al mercato straniero turistico e musicale. È questo, in sintesi, il messaggio che la dirigenza del Teatro lirico palermitano ha lanciato questa mattina a Londra, presentando la stagione 2005-2006 all’istituto italiano di cultura, in un’affollata conferenza stampa a cui hanno partecipato i giornalisti delle maggiori testate inglesi ed italiane e i tour operator d’Oltremanica. Il Presidente della Fondazione Teatro Massimo e Sindaco di Palermo, Diego Cammarata, ha evidenziato “come la presentazione a Londra della stagione del Teatro Massimo fa parte del rilancio realizzato in questi anni dal Teatro, che presenta oggi un cartellone considerato tra i più interessanti della lirica internazionale. Il tema prescelto, quello dei nuovi mondi, si coniuga perfettamente con la straordinaria multiculturalità che caratterizza da secoli la città di Palermo. Il Teatro Massimo e Palermo, stanno percorrendo insieme la strada per il riposizionamento nello scenario internazionale. Il Teatro lo fa anche dando vita ad un cartellone di così grande respiro e di indubbio prestigio; la città, dal canto suo, si impegna per valorizzare la propria identità, fatta del ricco patrimonio monumentale e culturale, della sua storia e delle sue tradizioni. Il nostro obiettivo, adesso, è quello di dare a Palermo una immagine coerente con la sua identità: lo stiamo facendo attuando una politica culturale che mette a sistema la trasformazione urbana e il recupero del centro storico, le attività culturali e l’educazione alla legalità. Ho un sogno: che Palermo sia finalmente, per tutti e prima di tutto, una città colta, vivace e affascinante. Lo pretende la sua storia, il suo patrimonio artistico, la sua identità. “ Il sovrintendente Antonio Cognata ha poi sottolineato l'intero progetto che coinvolge anche i giovani con l'obiettivo di acquisire sempre più spettatori anche con una politica mirata di prezzi, che prevede tariffe estremamente contenute. Infine, il direttore artistico Lorenzo Mariani e il direttore stabile Jan Latham-Koenig hanno ampiamente spiegato in dettaglio i meriti artistici di ogni proposta della stagione che si inaugurerà il 13 novembre con Re Ruggero, di Karol Szymanosky. Alla conferenza stampa hanno partecipato l’ambasciatore Giancarlo Aragona, Pierluigi Barotta, direttore dell’Istituto italiano di cultura e i giornalisti della stampa specializzata e turistica. Palermo, 24 ottobre 2005 L’Ufficio Stampa