CAETANO VELOSO AL FESTIVAL DI VERDURA

CAETANO VELOSO AL FESTIVAL DI VERDURA

19 Lug 2006

Ancora un appuntamento di prestigio al Festival di Verdura per la stagione estiva del Teatro Massimo. Giovedì 20 luglio, alle ore 21,15 è la volta di Caetano Veloso. Il cantautore brasiliano nasce il 7 Agosto 1942 a Santo Amaro da Purificação, una piccola città di Bahia. Nel 1960 si trasferisce a Salvador, dove conosce João Gilberto, inventore della Bossa Nova, e Glauber Rocha. Caetano scrive critiche di cinema e inizia a suonare la chitarra. Nel 1964 partecipa allo show "Nós, por exemplo", dove partecipano anche Gilberto Gil, Tom Zé, Gal Costa e Maria Bethânia, sua sorella. Negli anni dopo questo gruppo lavora in altri show similari in Sao Paulo e Rio de Janeiro, formando parte –ad eccezione di Bethânia– del movimento tropicalista.

Nel 1967 Caetano condivide con Gal il suo primo LP, "Domingo" (prodotto da Philips, che distribuisce la maggior parte dei suoi dischi). Quell’anno, al Record TV Festival a Sao Paulo, Caetano e Gil presentano "Alegria, Alegria" e "Domingo no parque". È l’esplosione del Tropicalismo, che unisce tradizione e avanguardia, rurale e urbano, cultura "alta" e popolare. Un movimento critico che viene represso dal regime militare. Infatti Caetano e Gil sono arrestati e nel 1969 vanno in esilio a Londra. Caetano è già sposato con Dedé Gadelha, con la quale ha il suo primo figlio, Moreno, nel 1974.

A Londra Caetano vive dei momenti difficili, come attesta "Songs of Exile", composto in inglese. Nel 1971 viaggia in Brasile per partecipare, con Gal, a uno storico incontro con João Gilberto in un programma di tv. Un anno dopo torna definitivamente in Brasile. A Salvador condivide uno show –registrato in un album– con un altro grande musicista della sua generazione, Chico Buarque. In questo periodo registra "Blue Araçá", un disco segnato dallo esperimentalismo, elemento che sarà sempre presente nel suo lavoro. Caetano diventa sempre più popolare, con successi come "Tigresa", "Um Indio", "Terra", "Lua de São Jorge", "Beleza Pura", "Menino do Rio" o "Sampa", dedicato alla città di São Paulo.

Nel 1976 Caetano forma il gruppo Doces Bárbaros con Gil, Gal e Bethânia. L’anno dopo viaggia con Gil al Festival di Musica e Arte Nera in Nigeria. Libero e originale, Caetano diventa un riferimento per la sinistra. Nella prima metà degli anni Ottanta, è al centro di dibattiti con gli intellettuali brasiliani, come José Guilherme Merquior, il giornalista Paulo Francis e il poeta Décio.

Nel 1981 partecipa insieme a Gil nel album "Brazil" di João Gilberto. Caetano continua a registrare, sia le sue canzoni, come "Rapte–me Camaleoa", "Meu bem, meu mal", "Eclipse Oculto", "Você è linda", "Podres Poderes" che le canzoni di altri autori da lui interpretate, come "Sina" (Djavan), "Sonhos" (Peninha), "È Hoje" (canzone di una scuola di samba di Rio, União da Ilha) o "Fera Ferida" (di Roberto e Erasmo Carlos).

Nel 1986 presenta insieme a Chico Buarque il musical "Chico e Caetano" nella Globo TV, e dirige il suo primo film, "O Cinema Falado" un film sperimentale sul cinema e le arti in generale. Alla fine degli Ottanta il suo nome è ormai diventato sinonimo di eleganza. Nel 1986 si sposa con Paula Lavigne, con la quale ha due figli, Tom e Zeca.

Negli anni novanta Caetano si afferma con uno degli artisti più influenti della cultura brasiliana. Con Gil registra il disco "Tropicália 2", che include i successi "Haiti" e "Desde que o Samba è Samba". Nell’album "Fina Estampa" Veloso riprende i classici latini e li interpreta da una prospettiva personale una delle canzoni sarà utilizzata dal suo amico Pedro Almodovar per il film "La Flor de Mi Secreto".

Nel 1997 esce il primo libro di Caetano, "Verdade Tropical", una riflessione sulle tre prime decadi della sua vita e la sua carriera.
Caetano diventa un artista di fama mondiale, e tra le richieste che riceve c’è l’invito a partecipare all’omaggio a Federico Fellini e Giulietta Massina in Italia, nel 1997.

Nel 1999, il suo CD "Prenda Minha" vende più di un milione di copie solo in Brasile, grazie in parte al successo di "Sozinho" (di Peninha) e produce il nuovo album del suo grande maestro, João Gilberto. Nella sua maturità, Caetano continua a rinnovare il suo arte.

Nel 2000 partecipa in Italia all’evento "Pavarotti and Friends" ed esce il suo album "Noites do Norte", che riscuote grande successo di pubblico e critica.

Dopo una breve pausa Caetano inizia in Giugno 2001 il tour "Noites do Norte", percorrendo tutto Brasile ma anche Francia, Portogallo, Germania e Argentina. In Italia riceve l’Antonioni award, un premio creato dal prestigioso regista per omaggiare le personalità che contribuiscono all’arricchimento delle arti.
Mentre Caetano è ancora in tour esce un live album "Noites do Norte Live", che riproduce l’intero show senza tagli. Un regalo dedicato ai suoi fan che possono sentire tutto il repertorio –34 canzoni– dello show.
" Noites do Norte ao vivo" rispecchia il grande momento di un artista in continua evoluzione, che conquista e seduce pubblici di tutti i paesi.

L’Ufficio Stampa
Palermo, 19 luglio 2006