ANNUNCIATA LA STAGIONE 2006/2007 OPERE, BALLETTI E CONCERTI

ANNUNCIATA LA STAGIONE 2006/2007 OPERE, BALLETTI E CONCERTI

11 Lug 2006


La stagione 2006/07 della Fondazione Teatro Massimo è stata presentata questa sera, 11 luglio 2006,  a Villa Niscemi dal Sindaco e Presidente della Fondazione, Diego Cammarata, dal Sovrintendente, Antonio Cognata, dal Direttore Artistico, Lorenzo Mariani.
Al termine della conferenza è intervenuto il Signor Haruhito Kiyota, Presidente della Fondazione Asahi, sponsor ufficiale della Tournée in Giappone.


La stagione d’opere e balletti prevede otto opere e due balletti ed ha un’unica linea guida: la donna, l’altra metà del cielo. Oltre alle cantanti, prime donne per eccellenza nel melodramma, la stagione è stata tagliata su misura per i ruoli femminili.


OPERE. La stagione prenderà il via il 14 novembre, alle ore 20.30, con una vera e propria chicca, Genoveva, capolavoro di Robert Schumann, mai rappresentata a Palermo e assente dalle scene italiane da più di 40 anni. L’opera, proposta nel centocinquantesimo anniversario della morte del compositore tedesco sarà in cartellone dal 14 al 19 novembre 2006, per complessive sei recite. Sul podio, a dirigere questa importante nuova produzione del Teatro Massimo, ci sarà il palermitano Gabriele Ferro, che è stato ampiamente apprezzato in Europa per la direzione di quest’opera. La regia è di Daniele Abbado che torna dopo il successo di Jean d’Arc au bucher; le scene sono di Graziano Gregori, i costumi di Carla Teti. Il cast annovera specialisti del repertorio liederistico di Schumann come Martina Serafin, nel ruolo del titolo ed Herbert Lippert e Peter Weber che sosterranno i ruoli di Golo e Siegfried e Katja Lytting.

Dal 4 al 14 gennaio 2007, per complessive 8 recite, ritorna un titolo amatissimo, Tosca, di Giacomo Puccini. Nel ruolo di protagonista Norma Fantini, conosciuta dal pubblico palermitano per la magistrale interpretazione di Aida in occasione della riapertura del Teatro Massimo nel ’98. In questo nuovo allestimento prodotto dalla Fondazione, Cavaradossi sarà impersonato da Roberto Aronica e Scarpia da Carlo Guelfi. La regia è di Gilbert Deflo, le scene e i costumi di William Orlandi. Sul podio, torna a dirigere l’Orchestra del Teatro Massimo, il celebre direttore Pinchas Steinberg.

In un cartellone tutto dedicato alla donna non poteva mancare la più celebrata eroina del melodramma: Violetta Valery. La Traviata, opera di Giuseppe Verdi, vedrà per protagonista il soprano Mariella Devia, che torna al Teatro Massimo dopo la straordinaria interpretazione in Lucia di Lammermoor, ruolo che ha abbandonato solo in questi giorni dopo 350 recite.  La regia porta la firma di una delle più brillanti protagoniste del nuovo cinema italiano, Cristina Comencini, reduce dal successo del film La bestia nel cuore. Le scene sono di Paola Comencini, i costumi di Antonella Berardi.
La Traviata, nell’allestimento del Teatro Comunale di Firenze, andrà in scena dal 23 febbraio al 3 marzo, per 8 recite. Sul podio, dopo il successo di Un ballo in maschera, Stefano Ranzani. Nei ruoli di Germont e Alfredo ci saranno invece Stefano Antonucci e Stefano Secco.

Dal 14 al 24 aprile, per 8 recite, andrà in scena Cavalleria  rusticana, di Pietro Mascagni, in coppia con Pagliacci di Ruggero Leoncavallo. Dirigerà Maurizio Arena, per la regia di Lorenzo Mariani, le scene e costumi di Maurizio Balò. Tra i protagonisti Carlo Ventre (Turiddu), Piero Giuliacci (Canio), Mariana Pentcheva (Santuzza), Alberto Mastromarino (Alfio,Tonio) e Amarilli Nizza (Nedda). Le due opere saranno rappresentate anche a giugno del 2007 nella Tournée in Giappone.

Dal 20 al 27 maggio, per sei recite, va in scena Manon di Jules Massenet. Verrà ripresa la raffinatissima regia di Alberto Fassini, mentre sul podio, al suo debutto al Teatro Massimo, ci sarà  Michel Plasson, oggi considerato il massimo esperto di Massenet. Nel cast alcune tra le voci più apprezzate della nuova generazione: Norah Amsellem, Giuseppe Filianoti, Davide Damiani, Alain Vernhes.

Dopo la pausa estiva sarà la volta di Don Pasquale, di Gaetano Donizetti,  che andrà in scena dal 21 al 28 settembre con sette repliche. Don Pasquale, proposto nell’allestimento del Teatro La Fenice di Venezia, con la regia di Italo Nunziata, le scene e i costumi di Pasquale Grossi, presenta una fresca e divertente trasposizione della vicenda agli anni ’30 del nostro secolo. Anche sul podio una bacchetta femminile, Keri–Lynn Wilson. Il cast presenta voci per lo più siciliane, già affermatesi nelle ribalte europee. A interpretare Norina, donna determinata e capace di tutto, ci sarà la palermitana Laura Giordano, già apprezzata protagonista tre anni fa ne Il matrimonio segreto e Simone Alaimo, nel ruolo dell’anziano Don Pasquale.

Medea di Cherubini è il titolo che andrà in scena dal 21 al 31 ottobre, per complessive sei recite. Lo spettacolo, firmato dal greco Yannis Kokkos, che torna a Palermo dopo il successo di KrÏŒl Roger, è proposto nell’allestimento del Teatro Capitol di Tolosa. Nel ruolo del titolo la più grande Medea dei nostri giorni: Anna Caterina Antonacci. Sul podio, Bruno Campanella. Gli altri interpreti sono Anna Bonitatibus, Giuseppe Gipali, Maria Luigia Borsi, Felipe Bou.

Chiusura con Norma, di Vincenzo Bellini, dal 16 al 30 dicembre con sei recite. L’opera viene proposta con la formula dello scorso anno, coprodotta con il Teatro Bellini di Catania, con il soprano greco Dimitra Theodossiou nel ruolo del titolo. Sarà affiancata da Francesco Hong, apprezzato Calaf in Turandot. Nel cast Nidia Palacios e Riccardo Zanellato. La regia è di Walter Pagliaro. Sul podio, Bruno Campanella.

 
TOURNÉE IN GIAPPONE. E’ un‘attesa che è durata più di trent’anni. Ma adesso l’incantesimo sta per rompersi. Il Teatro Massimo torna ad essere protagonista all’estero con le opere di sua produzione, dopo l’ultima tournée del 1972 ad Edimburgo dove furono rappresentate Attila di Giuseppe Verdi e La Straniera di Vincenzo Bellini. Questa volta il Giappone ospiterà Cavalleria rusticana, accoppiata a Pagliacci, I Vespri siciliani e un concerto lirico sinfonico. Le rappresentazioni avranno luogo al nuovo teatro Orchard Hall di Tokyo e alla celebre Biwako Hall di Otsu il 23, 24, 26 e 30 giugno e l’1, 2 e 3 luglio.
La tournée sarà possibile grazie al contributo del gruppo editoriale Asahi, già produttore delle tournée del Teatro San Carlo di Napoli e del Teatro La Fenice di Venezia. L’allestimento de I Vespri siciliani sarà diretto da Stefano Ranzani per la regia di Nicolas Joël, le scene di Ezio Frigerio, i costumi di Franca Squarciapino. Orlin Anastassov sarà Giovanni da Procida, Vladimir Stoyanov Guido di Monforte, Amarilli Nizza interpreterà Elena. Per Cavalleria rusticana e Pagliacci sarà proposto lo stesso cast della stagione.

 
BALLETTI. Ben due i balletti prodotti dalla Fondazione. Giselle di Adolphe–Charles Adam è il primo dei due titoli in cartellone ed andrà in scena dal 25 gennaio al 1 febbraio per 8 recite. L’Orchestra sarà diretta da Fabrizio Maria Carminati. Giselle, la delicata contadina che muore per amore per poi essere trasformata in una delle villi e salvare l’amato da morte sicura con una danza che dura tutta la notte, sarà impersonata da Viviana Durante. Partner sarà Roberto Bolle.

Nel secondo balletto, Franca Florio, regina di Palermo,  nuova produzione del Teatro Massimo, rivivrà la magica atmosfera della bella epoque, della Palermo operosa e produttiva di inizio secolo. Si tratta di una novità assoluta, un balletto ispirato alla nota protagonista del bel mondo palermitano, la cui bellezza stregò sovrani di mezza Europa. Il balletto, per la regia e la coreografia di Luciano Cannito, avrà musiche originali di Lorenzo Ferrero. Viviana Durante indosserà i panni di Franca Florio. Sul podio, a dirigere l’Orchestra del Teatro Massimo, Will Humburg. Lo spettacolo andrà in scena dal 21 al 27 novembre, per sei recite.

 
CONCERTI. Sono previsti dieci appuntamenti, tra i quali oltre ai concerti tradizionali sono previste anche offerte musicali alternative.
La stagione sinfonica prenderà il via il 26 novembre 2006 con un concerto diretto da Jan Latham–Koenig. In programma le musiche che Franco Mannino compose per i film di Luchino Visconti; nella seconda parte, omaggio a Robert Schumann.

Il 7 e il 9 dicembre 2006 sarà eseguita in forma semiscenica l’opera Mozart e Salieri di Rimskj–Korsakov. Sul podio, il giovane direttore russo Dimitri Jurowski; la regia è di Francesco Micheli e nei ruoli principali Markus Kalbus (Mozart) Giuseppe Gali (Salieri), due specialisti provenienti dal Bolshoi di Mosca.

Il 17 dicembre sul podio, a dirigere Orchestra e Coro del Teatro Massimo, ci sarà Pinchas Steinberg. In programma Ein Deutsches Requiem di Brahms. Maestro del coro, Paolo Vero.

Il 7 febbraio ancora l’Orchestra del Teatro Massimo protagonista con Jonathan Webb sul podio e Giovanni Sollima al violoncello. Il programma prevede musiche di Giuseppe Mulè e Eliodoro Sollima e la Sinfonia n.5 di Jean Sibelius nella seconda parte.

Il 10 marzo, ancora un compositore palermitano in programma. L’Orchestra del Teatro Massimo, diretta da Carlo Rizzi, che ritorna dopo molti anni di assenza, proporrà un brano di Ottavio Ziino, la Fantasia per coro, pianoforte e solisti di Beethoven e la Sinfonia n.10 di Dimitri Sostakovic.

Dopo il successo di Across The Universe della stagione scorsa, ancora un’altra interessante proposta destinata ai giovani. Il 17 marzo sarà proposto il concerto Symphonic Rock, con l’orchestra del Teatro Massimo diretta da Friedemann Riehle. Saranno eseguite musiche dei celebri complessi rock Deep Purple, Led Zeppelin, Pink Floyd. Le musiche saranno arrangiate per orchestra sinfonica.

Il 21 marzo, è previsto un omaggio al compositore palermitano Salvatore Sciarrino, in occasione del suo sessantesimo compleanno.  Il recital prevede per la prima volta in Italia l’esecuzione in versione integrale delle sonate per pianoforte di Sciarrino con il pianista Oscar Pizzo.

Il capolavoro di George Gershwin, Porgy and Bess, terrà banco per due serate, il 27e il 28 marzo. L’opera, proposta in forma di concerto, vedrà sul podio Wayne Marshall.

Il 7 novembre in programma musiche di Salvatore Sciarrino e Claude Debussy. Sul podio, a dirigere l’Orchestra del Massimo, Will Humburg.

Chiusura della stagione sinfonica con una proposta ironica e brillante. Il 23 dicembre, per il Concerto di Natale un’orchestra ospite, la Palast Orchester, con Max Raabe nel ruolo di direttore e solista proporrà un repertorio anni ’20 e ’30 in linea con il clima festoso di fine anno.


L’Ufficio Stampa
Palermo, 11 luglio 2006