Procedura aperta per l'affidamento del servizio di accoglienza e visite guidate della Fondazione Teatro Massimo

Procedura aperta per l'affidamento del servizio di accoglienza e visite guidate della Fondazione Teatro Massimo

Procedura aperta per l'affidamento triennale del servizio di accoglienza e visite guidate della Fondazione Teatro Massimo di Palermo

Il Disciplinare e la relativa Documentazione di seguito allegati contengono le norme relative alle modalità di partecipazione alla procedura selettiva indetta dalla Fondazione Teatro Massimo di Palermo ed individua e indica:
- le modalità di compilazione e presentazione dell’offerta;
- i documenti da presentare a corredo della stessa;
- la procedura di aggiudicazione;
- le ulteriori informazioni relative all’appalto.

L’offerta e la documentazione richiesta, dovranno pervenire, a pena di esclusione, a mezzo raccomandata a.r., ovvero tramite corriere, ovvero mediante consegna a mano, entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12 del giorno 24/07/2019 - come da disciplinare di gare - all’attenzione del Responsabile del Procedimento al seguente indirizzo: Fondazione Teatro Massimo Ufficio Acquisti, piazzetta Aragonesi snc, 90138 Palermo.

Allegati

Disciplinare di gara  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 1 - Domanda di partecipazione  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 2 - Verbale di sopralluogo  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 3 - Patto d'integrità  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 4 - Schema di offerta economica  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 5 - Capitolato Speciale d’Appalto (CSA)  CLICCA QUI PER SCARICARE
ALLEGATO 6 - DUVRI  CLICCA QUI PER SCARICARE
File editabile - schema di formulario DGUE adattato al Codice  CLICCA QUI PER SCARICARE

Avviso nomina commissione e convocazione prima seduta pubblica

Come da Determina n. 197 del Sovrintendente, si comunica che La Commissione giudicatrice delle offerte pervenute è così composta:
 
·         Avv.to Lucia Di Salvo, presidente;
·         Dott.ssa Marida Cassarà, componente;
·         Sig. Francesco Caltagirone, componente;
·         Sig. Antonio Ciappa, segretario verbalizzante.

La commissione giudicatrice si riunirà il 17 ottobre 2019 presso l’Ufficio Acquisti della Fondazione Teatro Massimo – Piazzetta Aragonesi, snc, Palermo a partire dalle ore 15:00

Avviso seconda seduta pubblica

Si comunica che la seconda seduta pubblica per l'espletamento delle attività di gara si terrà il giorno 30 ottobre 2019 presso l'Ufficio Acquisti della Fondazione Teatro Massimo – Piazzetta Aragonesi, snc, Palermo a partire dalle ore 9:30    

Avviso terza seduta pubblica

Si comunica che la terza seduta pubblica relativa alla procedura in oggetto si terrà il giorno 11 novembre 2019 presso l'Ufficio Acquisti della Fondazione Teatro Massimo – Piazzetta Aragonesi, snc, Palermo a partire dalle ore 15:30.

Verbale n.1 del 17 ottobre 2019 e Allegati sub A, B e C - CLICCA QUI PER SCARICARE

Verbale n.2 del 30 ottobre 2019 - CLICCA QUI PER SCARICARE

Verbale n.3 del 11 novembre 2019 - CLICCA QUI PER SCARICARE

 

Informazioni dei dipendenti attualmente impiegati nel servizio

SCARICA LA TABELLA - CLICCA QUI

 

Richieste di chiarimenti

Quesito n.1 del 27 giugno 2019

Nell’ambito della capacità tecnico professionale degli operatori economici è richiesto l’elenco dei dipendenti che facciano parte dell’operatore economico e che saranno impiegati dei servizi oggetto dell’appalto, tutti in possesso dell’attestato di pronto intervento e di lotta antincendio rischio elevato, nonché in possesso delle certificazioni specifiche di conoscenza delle lingue.
Poiché la nostra azienda al momento non ha nel proprio organico il numero di risorse richieste sul territorio e con le caratteristiche elencate da Bando ma, in caso di aggiudicazione della gara, avrebbe l’intenzione di rispettare le richieste specifiche della Stazione appaltante, sarebbe possibile inserire per la partecipazione i curricula del personale che non è attualmente impiegato ma che in caso di aggiudicazione verrebbe assunto per l’appalto in oggetto e formato nello specifico per il pronto intervento e la lotta antincendio rischio elevato? La conoscenza delle lingue è richiesta a livello di autovalutazione secondo il “Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue” o vanno presentati i relativi attestati?

Risposta al Quesito n.1 del 27 giugno 2019
il dato della lex spacialis è chiaro nel richiedere un elenco dei soggetti "che saranno impiegati nei servizi oggetto del presente appalto, tutti in possesso di attestato di “pronto intervento” e di “lotta antincendio – rischio elevato”"; è necessario dunque che l'Operatore indichi un elenco di soggetti in possesso dei requisiti richiesti che al momento dell'aggiudicazione risulti omogeneo con quanto offerto in sede di gara, salvo ed impregiudicata la corretta applicazione della clausola sociale. In relazione al requisito delle lingue questo va provato per mezzo di certificazione come risulta chiaramente dal dato letterale della lex specialis di gara.


Quesito n.2 del 10 luglio 2019


Sulla base di quale CCNL e di quale inquadramento per quel che riguarda il livello, l’Ente ha proceduto a quantificare il costo del lavoro in 9,89 euro/orari?

Risposta al Quesito n.2 del 10 luglio 2019
Il costo orario a base di gara è stato calcolato partendo dal CCNL applicato (il CCNL per i dipendenti da Istituti e Imprese di Vigilanza Privata e Servizi Fiduciari 2013 -2015) ritenuto congruo nel confronto con le Tabelle Ministeriali di riferimento in relazione al monte ore (pari a 25.381 ore annue) al netto degli oneri della sicurezza non soggetti a ribasso e di una percentuale (variabile) di utile di impresa.


Quesito n.3 del 13 luglio 2019

con riferimento alla procedura specificata in oggetto, trasmettiamo di seguito alcune richieste di chiarimenti.

1)      Clausola sociale:
Si prende atto di quanto disposto dall’art. 20 del Capitolato e si chiede cortesemente di voler fornire i seguenti dati:
-          Il numero dei lavoratori oggi attivi.
-          L’inquadramento di tali lavoratori (categoria -livello- CCNL- etc.) con specifica indicazione della RAL;
-          La tipologia contrattuale (a tempo determinato o indeterminato) di tali lavoratori;
-          In caso di contratto a tempo indeterminato, la data di assunzione o trasformazione (da tempo determinato a tempo indeterminato);
-          La conferma che tale personale sia già formato ed istruito ai sensi del d.lgs. n. 81/2008 oltre che idoneo alla mansione.

 2)      Sull’elenco dei dipendenti che facciano parte dell’operatore.
Preso atto di quanto disposto all’art. 8.2 lettere iii) e iv) del Disciplinare, si chiede cortese conferma che l’operatore non deve possedere tutti i dipendenti richiesti al momento di presentazione dell’offerta ma dovrà impegnarsi a contrattualizzare i predetti profili solo a seguito dell’eventuale aggiudicazione, per l’espletamento del servizio richiesto.
Si chiede inoltre cortese conferma che in caso di necessità sarà possibile sostituire i predetti profili con altri aventi le stesse qualifiche.

3)      Su eventuali abilitazioni
Si chiede cortesemente di specificare se le guide richieste debbano avere specifiche abilitazioni/autorizzazioni o essere iscritte ad eventuali albi.

Risposta al Quesito n.3 del 13 luglio 2019
1)    sul sito della Fondazione, nella sezione dedicata alla presente procedura aperta, è stato pubblicato il file contenente le Informazioni dei dipendenti attualmente impiegati nel servizio
2)    Si conferma che l’operatore non deve possedere tutti i dipendenti richiesti al momento di presentazione dell’offerta ma dovrà impegnarsi a contrattualizzare i predetti profili solo a seguito dell’eventuale aggiudicazione, per l’espletamento del servizio richiesto
3)    Si conferma che non è richiesta alcuna abilitazione/autorizzazione o iscrizione ad eventuali albi per l’espletamento del servizio di visite guidate


Quesito n.4 del 17 luglio 2019

Con la presente siamo a richiedere, al fine di garantire il rispetto dei principi di efficacia, correttezza, libera concorrenza, trasparenza, pubblicità e non discriminazione così come enunciati all’art. 30 del Decreto Legislativo n. 50/2016, i seguenti chiarimenti/informazioni:
1)    Modalità di calcolo della Base d’asta. Ai sensi dell’art. 23 comma 16 del D.Lgs 50/2016 (“Per i contratti relativi a lavori, servizi e forniture, il costo del lavoro è determinato annualmente, in apposite tabelle, dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali sulla base dei valori economici definiti dalla contrattazione collettiva nazionale tra le organizzazioni sindacali e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentativi, delle norme in materia previdenziale ed assistenziale, dei diversi settori merceologici e delle differenti aree territoriali. In mancanza di contratto collettivo applicabile, il costo del lavoro è determinato in relazione al contratto collettivo del settore merceologico più vicino a quello preso in considerazione.”)
A.  Con riferimento a quale CCNL (qualifica, livello, ecc.) e su quale monte ore per singolo livello e complessivo sia stata determinata la base d’asta di 13,20 €/h;
B.  Se tali limiti saranno utilizzati al fine della verifica della congruità dell’offerta;
C. Se sia possibile derogare ai costi indicati nelle Tabelle Ministeriali di riferimento e se sia possibile applicare altri CCNL.
2)    Clausola Sociale
In applicazione dell’art. 50 del D.Lgs. 50/2016, e considerando che alcuni CCNL prevedono la clausola sociale (ad esempio art. 4 del CCNL per imprese esercenti attività di pulizia e servizi integrati/multiservizi ed art. 37 del CCNL per le Cooperative Sociali), al fine di predisporre un’offerta economica tale da poter garantire tali adempimenti:
a.    CCNL in essere - Si richiede l’elenco del personale attualmente impiegato nel servizio posto a gara con indicazione, per ciascun addetto, di:
-          CCNL applicato
-          Qualifica (operaio/impiegato)
-          Livello
-          Sesso (per eventuali sgravi contributivi e/o agevolazioni di legge)
-          Anzianità (per l’eventuale riconoscimento degli scatti di anzianità se dovuti)
-          Eventuale condizione di svantaggio (per eventuali sgravi contributivi e/o agevolazioni di legge)
-          Percentuale individuale di part-time
-          Ad integrazione della percentuale di part-time, n° di ore settimanali e/o mensili effettivamente svolte nel servizio posto a gara e/o percentuale di part-time
-          Eventuale luogo di lavoro assegnato all’interno dell’appalto e relativa turnistica
-          Tipo di assunzione (tempo indeterminato/a chiamata/ tempo determinato e relativa causale)
-          Attuale presenza sul cantiere (eventuali assenze prolungate per malattia, infortunio, maternità, aspettativa, etc… e relativa data di termine prevista)
b.    Se tali dati saranno utilizzati ai fini della verifica della congruità dell’offerta;
c.    Se sia possibile derogare ai costi indicati nelle Tabelle Ministeriali di riferimento e se sia possibile applicare altri CCNL.
3)     Sicurezza sul lavoro - In applicazione del D.Lgs. 81/2008, si richiede per ciascun addetto attualmente impiegato:
-          Data visita pre-assuntiva di idoneità al lavoro (se effettuata)
-          Data ultima visita medica effettuata (di cui agli artt. 18 e 41)
-          Data informazione e formazione obbligatoria (di cui agli artt. 36 e 37)
-          Eventuale formazione sulle istruzioni operative e/o sui rischi specifici dell’appalto in oggetto
-          Eventuale corso di primo soccorso (data primo corso ed ultimo aggiornamento)
-          Eventuale patentino antincendio (livello, data primo corso ed ultimo aggiornamento)
-          Altri corsi di formazione effettuati

Risposta al Quesito n.4 del 17 luglio 2019
1)    A. Si veda Risposta al Quesito n.2 del 10 luglio 2019 già pubblicata sul sito della Fondazione.
B. La verifica di congruità dell’offerta verrà attivata nei casi previsti dalla legge e secondo i criteri di riferimento indicati dal D. Lgs. 50/2016 dagli artt. 23 co 16  e 97 co 5 lett. d).  Il dato relativo alla base d’asta a cui ha fatto riferimento la scrivente SA è legato essenzialmente al CCNL applicabile ratione materiae al CCNL applicato dall’operatore uscente, al dato storico esperienziale. In particolare recando le tabelle ministeriali valori non necessariamente coincidenti con quelli dei contratti collettivi e rispetto ai quali la concreta organizzazione del lavoro dell’impresa potrebbe giustificare uno scostamento, il dato che l’Operatore dovrà tenere necessariamente presente sarà il rispetto dei minimi salariali previsti dai contratti collettivi.
C. Si veda risposta al precedente punto 1.B

2)    
a.    Sul sito della Fondazione, nella sezione dedicata alla presente procedura aperta, è stato pubblicato il file contenente le Informazioni dei dipendenti attualmente impiegati nel servizio
b.    Sulla congruità dell’offerta, come già espresso al precedente punto 1.B, si conferma che i costi medi della manodopera, indicati nelle tabelle ministeriali, non assumeranno valore di parametro assoluto e inderogabile, ma svolgono una funzione indicativa, essendo possibile per l’impresa concorrente evidenziare una particolare organizzazione imprenditoriale idonea a dimostrare la sostenibilità degli scostamenti in relazione specifiche analisi aziendali. Sarà dunque possibile, in astratto, indicare nell’offerta un costo della manodopera anche inferiore a quello individuato nelle Tabelle Ministeriali (rappresentative di una media articolata dei costi del lavoro a livello territoriale) fermo restando il rispetto dei minimi salariali retributivi previsti nei CCNL.
c.    Si veda risposta al precedente punto 2.b
3)    Si veda risposta al precedente punto 2.a