La questione della regia nel teatro d’opera: Rigoletto per John Turturro

La questione della regia nel teatro d’opera: Rigoletto per John Turturro

Domenica 14 ottobre 2018, ore 16:00
Sala Onu

Lezione della Prof. Arianna Frattali
“La questione della regia nel teatro d’opera: Rigoletto per John Turturro”

L’opera lirica ha costituito per secoli un settore prioritario dell’arte dello spettacolo, in cui la fusione tra musica, testo, azione e visione ha alimentato la fantasia dello spettatore, coinvolgendone i cinque sensi in un’esperienza altamente immersiva e profondamente gratificante a livello estetico. Questa forma spettacolare ha unito, connesso e intrecciato maestranze e professionalità diverse, costituendo un vero e proprio fenomeno di globalizzazione dell’arte, che ha varcato i confini del mondo moderno, abbattendo barriere geografiche e linguistiche. La divisione maturata dalla fine del Settecento fra teatro di canto e teatro di parola ha portato, in seguito, ad una divisione impropria dei generi, relegando l’opera ad un settore specifico del mercato dello spettacolo, sempre più focalizzato sulla qualità della musica e dell’esecuzione vocale a discapito della recitazione, dell’azione, della messinscena in genere. I grandi maestri della regia novecentesca, come Strehler e Ronconi hanno tuttavia riscoperto le potenzialità performative del belcanto ricollocandolo in un orizzonte teatrale completo, attraverso soluzioni scenografiche e luministiche d’atmosfera.

Note biografiche

Arianna Frattali è assegnista di ricerca presso l’Università degli Studi di Salerno, già dottore di ricerca in Discipline Teatrali e Professore a contratto di Organizzazione del Teatro e dello Spettacolo presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Studiosa principalmente delle arti della scena nel Sei-Settecento e nel Novecento, si è focalizzata spesso sulla drammaturgia musicale, pur aprendosi a frequenti incursioni nei confini fra teatro e media dal Novecento ad oggi e alle intersezioni artistiche in genere. È autrice di monografie ed edizioni commentate - Presenze femminili fra teatro e salotto. Drammi e melodrammi nel Settecento lombardo-veneto (Pisa, Serra, 2010), Testo e performance dal Settecento al Duemila (Milano, EDUCatt, 2012), Didone abbandonata di Pietro Metastasio (Pisa, ETS, 2014) - e di numerosi saggi relativi al teatro del Settecento e al teatro performativo contemporaneo.