Procedura aperta per servizio di portierato e connessi servizi di vigilanza e antincendio

Procedura aperta per servizio di portierato e connessi servizi di vigilanza e antincendio

PROCEDURA APERTA PER L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PORTIERATO E CONNESSI SERVIZI DI VIGILANZA E ANTINCENDIO DELLA FONDAZIONE TEATRO MASSIMO DI PALERMO

L’offerta e la documentazione richiesta, dovrà pervenire, a pena di esclusione, a mezzo raccomandata a.r., ovvero tramite corriere, ovvero mediante consegna a mano, entro e non oltre il termine perentorio delle ore 12 del giorno 11/06/2018 all’attenzione del Responsabile del Procedimento al seguente indirizzo: Fondazione Teatro Massimo Ufficio Acquisti, piazzetta Aragonesi snc, 90138 Palermo.

 

Scarica la documentazione:

- Allegato 1 Domanda di partecipazione
- Allegato 2 Verbale di sopralluogo
- Allegato 3 Patto d'integrità
- Allegato 4 Scheda di relazione tecnica
- Allegato 5 Scheda di offerta economica
- Allegato 6 Capitolato speciale
- Allegato 7 DUVRI
- Disciplinare di gara

Informazioni dei dipendenti attualmente impiegati nel servizio di portierato e vigilanza

SCARICA IL DOCUMENTO, CLICCA SULL'IMMAGINE

Errata corrige del 5 giugno 2018 - CLICCA QUI PER SCARICARE

Avviso terza seduta pubblica

SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Avviso seconda seduta pubblica

SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Verbali

Verbale prima seduta pubblica - SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Verbale seconda seduta pubblica - SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Verbale terza seduta pubblica - SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Verbale quarta seduta pubblica - SCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Verbale sedute riservateSCARICA IL PDF, CLICCA QUI

Ai fini di maggiore comprensione della attribuzione dei punteggi da parte della Commissione di Gara, si procede alla pubblicazione delle tabelle con evidenza del calcolo utilizzato

SCARICA LE TABELLE - CLICCA QUI

Richieste di chiarimenti

Quesito n. 1 del 9 maggio 2018
a.    Per il servizio di Vigilanza descritto al punto 2.2 del capitolato speciale d’appalto, si richiede l’impiego di Guardie Particolari Giurate?
Risposta
a.    La risposta è negativa, i documenti di gara sono chiari nel descrivere le caratteristiche del personale impiegato. Cfr. articoli 2 e 3.

Quesito n. 2 del 21 maggio 2018
a.    Si chiede se possono essere ritenuti validi ai fini della gara, gli attestati di laurea, in considerazione del fatto che, gli esami sostenuti per il conseguimento della laurea in lingue o in interpretariato attestano il livello della conoscenza della lingua secondo il quadro comune europeo di riferimento per le lingue,altresì, denominato "Common European framework of references for languages" - riportato di volta in volta nella scheda di trasparenza di ciascun esame..
Risposta
a.    La lex specialis è chiara nel richiedere il possesso di certificazione della lingua inglese almeno livello B1.  Nel caso di specie (laurea in lingue) l'attestazione potrà essere fornita non attraverso il solo certificato di laurea in lingue ma anche attraverso l'allegazione della certificazione del superamento dell'esame di lingua inglese unitamente alla scheda di trasparenza dell'esame attestante il livello della conoscenza della lingua secondo il quadro comune europeo di riferimento per le lingue (Common European framework of references for languages) che la Commissione potrà valutare.

Quesito n. 3 del 29 maggio 2018
a.    Considerato il Disciplinare di gara all'art. 8, punto 8.2, lett. B – nel dettaglio, REQUISITI SPECIALI DI CAPACITÀ TECNICO-PROFESSIONALE di cui ai punti: “ i) Aver svolto servizi di natura analoga a quelli oggetto della prestazione principale (di cui al punto 1.1. del Capitolato Speciale) e/o della prestazione secondaria (di cui al punto 1.2 del Capitolato Speciale) della presente gara (destinati ad edifici storici ed artistici, quali musei, teatri, gallerie, esposizioni e mostre) prestati negli ultimi tre anni solari (dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2017) per un fatturato medio/annuo pari a € 165.000,00 (centosessantacinquemila/00) con l'indicazione di importi e date; ii) Aver svolto almeno un servizio di  natura analoga a quella oggetto della prestazione principale della presente gara di importo (destinato ad edifici storici ed artistici, quali musei, teatri, gallerie, esposizioni e mostre), prestato negli ultimi tre anni solari (dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre 2017), non inferiore a € 100.000,00 (centomila/00) con l'indicazione di importo e data” si chiede:
i.    per "servizi analoghi" si intendono i servizi di portierato (c.d. servizi fiduciari) espletati esclusivamente presso "edifici storici ed artistici, quali musei, teatri, gallerie, esposizioni e mostre" oppure anche i servizi di portierato (c.d. servizi fiduciari) effettuati presso altre strutture pubbliche e/o private?
ii.    il requisito di cui sopra può essere soddisfatto anche indicando i servizi di vigilanza armata espletati presso strutture pubbliche e/o private?
b.    considerato il Disciplinare di gara all'art. 14 – "Contenuto della "BUSTA B – OFFERTA TECNICA", nel dettaglio: “14.1        La busta "B – Offerta tecnica" contiene a pena di esclusione: Relazione tecnica dei servizi offerti, di non più di 20 (venti) cartelle di testo (in formato A4, carattere Times New Roman 12, interlinea 1,5) comunque comprensiva di ogni eventuale rappresentazione grafica o fotografica. La relazione dovrà essere redatta al fine di far emergere gli elementi di valutazione di cui alla seguente Tabella di Offerta Tecnico Qualitativa (A) di cui all'art 16, secondo le forme di cui all'ALLEGATO 4 – Schema di relazione tecnica”. Si chiede, in relazione al numero "20 (venti) cartelle di testo" è corretto intendere n. 20 (venti) facciate?
Risposta

        a.i.  In relazione al quesito posto si ritiene chiara la previsione di lex specialis. Conseguentemente si deve ritenere che detto requisito sia ritenuto analogo solo nei limiti di quanto specificato nella stessa lex specialis (destinati ad edifici storici ed artistici, quali musei, teatri, gallerie, esposizioni e mostre) e non presso “altre strutture”;
       a.ii   In relazione al quesito posto si ritiene che il requisito possa essere soddisfatto anche indicando i servizi di vigilanza armata, sempre che espletati presso edifici storici ed artistici, quali musei, teatri, gallerie, esposizioni e mostre e non presso “altre strutture”;
a.     Si ritiene corretta l’interpretazione fornita.


Quesito n. 4 del 1° giugno 2018
a.      al fine di redigere una congrua valutazione economica, nel rispetto della parità di dati a disposizione di tutti i partecipanti, si domanda di rendere pubblico il nome dell’attuale gestore uscente e l’elenco del personale in servizio in cui sia dettagliato:
- numero di unità con rispettivi monte ore
- numero di unità a tempo determinato/indeterminato
- data dei prossimi scatti di anzianità
- eventuali sgravi o agevolazioni che non dipendono da scelte organizzative o gestionali ma dal rispetto di condizioni ex-legge (ad esempio esonero contributivo previsto dall'art 1, Commi 118 e seguenti della L. n.190/2014 ovvero dall'art. 1 co. 181 L. 208/2015)
- per ogni singolo operatore, la data in cui vi sia stato eventuale formazione/ultimo aggiornamento per l’antincendio e il primo soccorso. 
b.    a fronte della Tabella del personale pubblicata sul sito, si chiede un chiarimento sul fatto che risultino solo 6 operatori attualmente impiegati nel servizio ma che da Allegato 6 - Capitolato Speciale d'Appalto siano da garantire (art. 2.1. e 2.2) almeno 6 postazioni di cui una dalle 7 alle 24 dal lunedì alla domenica;
c.    all’art. 14.1 del Disciplinare si chiede se la voce “cartelle”, pur nel rispetto del carattere Times New Roman, altezza 12, interlinea 1,5, si riferisce alla definizione di cartella editoriale ovvero “pagina composta di 1800 battute (30 righe per 60 battute)” oppure se una volta rispettate le indicazioni redazionali indicate da documentazione di gara sia poi libero il numero di battute e righe con piena libertà di gestione nella misura di margini e bordi pagina. Si chiede altresì se per 20 cartelle si intenda fronte e retro (quindi 40 facciate) o 20 cartelle solo fronte. Si chiede conferma che non siano previsti allegati oltre le 20 cartelle.
d.    si chiede di conoscere la tariffa oraria attualmente riconosciuta per l’appalto;
e.    si domanda un chiarimento per l’art. 16.5 del Disciplinare di gara in merito alla formula per l’assegnazione del punteggio all’offerta economica. Questa è così enunciata: “V(A)i (coefficiente della prestazione dell’offerta a rispetto al requisito i variabile tra 0 e 1) = Rmax/Ra Dove Rmax è il ribasso più conveniente mentre Ra è il ribasso del concorrente A. Questo risultato sarà poi da moltiplicare per 30 (punteggio massimo per l’offerta economica) per decretare il punteggio del concorrente A. Premesso ciò, facendo una simulazione e supponendo tre offerte, a mero titolo esemplificativo, di 1%, 2% e 4%, il ribasso più conveniente risulterebbe 4%, così le altre due offerte avrebbero un punteggio calcolato nel seguente modo, rispettando la formula del disciplinare:
x= 30* 4%/2%= 30*2= 60 punti
x= 30*4%/1%= 30*4= 120 punti
La stessa formula indicata da disciplinare funzionerebbe se per “ribasso” si intendesse il concetto di “prezzo”, allora: x= 30* prezzo più conveniente/ prezzo i-esimo.
Si chiede quindi se sia quest’ultima la formula da tenere in considerazione.
 
f.    in riferimento all’art. 16.1 del Disciplinare, in merito alla tabella dell’offerta tecnica da seguire, si chiede conferma che al criterio A.1 per “risorse che saranno designate all’esecuzione del servizio (…) indicando i profili impegnati…” si intenda la descrizione dettagliata pur anonima delle qualifiche e delle esperienze del team che si propone per il servizio oggetto d’appalto;
g.    nell’Allegato 6 – Capitolato Speciale d’Appalto, all’art. 5.6 si legge “Il personale che effettuerà il servizio di portineria dovrà avere conoscenza della lingua inglese e parlata e scritta almeno di livello B1 secondo il “Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue”, documentata dagli attestati ottenuti e in misura tale da permettere la gestione di eventuali telefonate internazionali in arrivo….” si chiede se tali attestati debbano essere presentati già in sede di gara (all’interno dell’offerta tecnica) o in un secondo momento, in caso di aggiudicazione;
h.    in riferimento all’art. 16.1 del Disciplinare, in merito alla tabella dell’offerta tecnica da seguire, si chiede conferma che al criterio C.1 per “conoscenza di ulteriori lingue straniere oltre l’inglese” sia sufficiente dichiarare o descrivere il numero di risorse che la ditta proponente garantisce con conoscenza di lingua straniera (diversa dall’inglese), tipologia di lingua e livello;
i.    all’art. 5.3 dell’Allegato 6 – Capitolato Speciale d’Appalto al punto “essere in grado di utilizzare il software di gestione ingressi” si chiede se tale software è di proprietà della Fondazione e se vi siano per la ditta aggiudicatrice spese da sostenere per la manutenzione e/o l’aggiornamento.
Risposta
a.    la stazione appaltante ha pubblicato sul proprio sito istituzionale, proprio attraverso la tabella cui codesto operatore fa riferimento nel quesito “b”, gli unici dati relativi al personale, necessari alla formulazione dell’offerta;
b.    le prestazioni oggetto del servizio richiesto sono differenti rispetto a quelle prestate dall’operatore uscente, con “turnazione di personale secondo quanto previsto dai CCNL” cfr. art.2.1 primo capoverso del Capitolato speciale d’appalto;
c.    la lex specialis è chiara nel richiedere una relazione di 20 (venti) cartelle che corrispondono a venti facciate, nel rispetto del “formato A4, carattere Times New Roman 12, interlinea 1,5”. Le venti cartelle devono ritenersi comprensiva di ogni rappresentazione grafica, fotografica e/o allegato.
d.    la tabella cui codesto operatore fa riferimento nel quesito “b” contiene gli unici dati relativi al personale, necessari alla formulazione dell’offerta; si precisa inoltre che le prestazioni oggetto del servizio richiesto sono differenti rispetto a quelle prestate dall’operatore uscente;
e.    si precisa che, quanto alla formula relativa all’offerta economica, è pubblicata sul sito della Fondazione una errata corrige con la quale si specifica che, per mero errore materiale, la formula riportata deve intendersi sostituita dalla formula “V(a)i=Ra/Rmax”;
f.    si conferma la richiesta di descrizione dettagliata delle professionalità destinate all’esecuzione del servizio in appalto;
g.    la lex specialis è chiara sul punto: all’articolo 13.6 – 3) DOCUMENTAZIONE A CORREDO, dunque da inserirsi nella busta “A – Documentazione Amministrativa”, è specificatamente richiesto “certificazione di lingua inglese almeno di livello B1 secondo il “Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue” per gli addetti al servizio di portineria”;
h.    la lex specialis è chiara nel richiedere “numero e qualità dei titoli/diplomi in lingue straniere indicati e posseduti dai soggetti impiegati nell’esecuzione del servizio di portineria”;
i.    si conferma la proprietà del software in capo alla Fondazione e che le spese per la manutenzione e/o l’aggiornamento non sono a carico dell’aggiudicatario.


Quesito n. 5 del 1° giugno 2018
a.    in merito all'art. 16.1 del Disciplinare di gara, rispetto al primo paragrafo A.1 per la stesura del progetto tecnico ("risorse che saranno destinate all'esecuzione del servizio in appalto specificando la struttura organizzativa ed operativa ed indicando i profili impegnati, sia quelli con responsabilità organizzativa/gestionale che quelli con responsabilità esecutive/operativa"), nel  criterio motivazionale corrispondente si legge che verrà punteggiata la "maggiore completezza e adeguatezza dello staff proposto in termini di numero e qualifica dei soggetti impegnati rispetto al minimo richiesto nel presente disciplinare all'art. 8.2 lett. B". Si chiede però un chiarimento al riguardo, in quanto a questo articolo 8.2, lett. B si trovano elencati i requisiti minimi speciali semmai per i concorrenti alla gara piuttosto che dei singoli operatori da inserirsi nel servizio.
Risposta
la lex specialis è chiara nell’individuare, all’articolo 8.2, lett. B – REQUISITI SPECIALI, al punto “di capacità tecnico-professionale”, punti (iii), (iv) e (v), i minimi richiesti a partire dai quali illustrare una “maggiore completezza e adeguatezza dello staff proposto in termini di numero e qualifica dei soggetti”.